Lo sport cambia veste: nel futuro sarà ibrido

Non solo allenamenti in palestra, ma anche corsi online e outdoor

@pixabay

Questa pandemia ha fatto scoprire a molti italiani lo smart working e che da casa si può anche fare attività fisica. Lo sport online cambierà definitivamente le abitudini degli appassionati di fitness?

A quanto pare la risposta è sì. Palestre e centri sportivi in questo periodo si sono attrezzati fornendo lezioni via web, con video preparati e altri in diretta.

Secondo un’indagine condotta da Sportclubby, la principale piattaforma in Italia per prenotare corsi online o in palestra e servizi dedicati ad ogni tipo di sport, e condotta su 600 sportivi italiani, nel 2021 lo sport diventerà ibrido: non solo allenamenti in palestra, ma anche corsi online e outdoor.

Come sarà lo sport nel 2021

A causa delle restrizioni introdotte in questi mesi, e in continua evoluzione, molti sportivi hanno diminuito e non annullato la propria frequenza di allenamento. L’impatto maggiore c’è stato per gli over 55.

Con la fine della pandemia e il ritorno a una vita, più o meno, normale, 7 italiani su 10 hanno dichiarato di voler ritornare nel proprio centro sportivo e allenarsi come una volta. Il restante 16% però ha ammesso che ai corsi in presenza affiancherà quelli online e all’aperto.

Il 3% vuole allenarsi in livestreaming o con lezioni registrate on demand (1%).

La nota positiva è per i centri sportivi, che potrebbero in questo modo espandere il proprio club in tutta Italia.

Un italiano su 3 dichiara che nel 2021 si allenerebbe online anche con palestre o trainer al di fuori della propria area territoriale.

Outdoor: il 7% degli sportivi dichiara che sceglierebbe di allenarsi all'aperto se supportato dal proprio centro o istruttore di fiducia, mentre il 3% preferisce allenarsi esclusivamente all’aperto senza pagare un’iscrizione in palestra.

Lo smart working, inoltre, potrebbe influire anche sugli orari “preferiti” per allenarsi. In molti hanno dichiarato che, sfruttando gli orari del lavoro agile, di frequentare la palestra nelle ore generalmente meno affollate.

Sportivi e club: come cambia il rapporto

Lo sport, quindi, sarà sempre più influenzato dal digitale. Tra le aspettative degli sportivi il 62% degli intervistati vorrebbe che il proprio club utilizzi delle tecnologie adeguate per offrire servizi su misura, come corsi negli orari più richiesti o promozioni basate sui propri gusti ed esigenze.

Il 44% vorrebbe poter affiancare all'iscrizione in palestra anche altre opzioni legate a sport e benessere, come visita medica, consulenze di un nutrizionista e un fisioterapista, poter praticare meditazione.

Il 21% desidera un’offerta integrata di strumenti per facilitare la pratica sportiva, come pagamenti digitali, assicurazioni, servizi di trasporto casa-palestra per ragazzi e welfare aziendale.

Il 18% degli intervistati vorrebbe che il rapporto con la community di sportivi nata quest'anno su social e app venga coltivato anche in futuro, per ricevere aggiornamenti costanti e stimoli nuovi e sempre diversi.

Sport online: i limiti (evidenti)

Il 48% degli sportivi durante la pandemia ha rinunciato ad allenarsi online.

Tra gli ostacoli principali allo sport online hanno inciso l’assenza di spazi adeguati in casa (36%), ma anche l’impossibilità di praticare il proprio sport o relativi esercizi di potenziamento a distanza (32%). Per il 24% degli sportivi intervistati la presenza di familiari o animali, che interrompono la lezione, è stato il motivo principale di abbandono.

Il 20% ha rinunciato allo sport online per staccare dal pc e dal mondo digitale, dovendo trascorrere troppo tempo su dispositivi elettronici e piattaforme di videochat per lavoro. 

Il 14% non ha praticato sport online poiché non possedeva le competenze e gli strumenti tecnologici di base, come anche la volontà di acquisirli, mentre il 10% non ha trovato online corsi adeguati al proprio livello di abilità ed esperienza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Restano in zona rossa Chieti e altri 8 comuni, Atessa e Guardiagrele sorvegliate speciali

  • Parrucchieri ed estetiste aperti anche nei comuni con maggiori restrizioni, fissata la riapertura delle scuole: Marsilio firma l'ordinanza

  • Pizza scima: la ricetta della focaccia “a rombi” senza lievito

  • Saturimetro: perché acquistarne uno e i migliori in commercio

  • "La gravità sintomi Covid può dipendere dal dna": lo studio dell'università di Chieti

  • Mussolini resta cittadino onorario di Guardiagrele, respinta la proposta di revoca

Torna su
ChietiToday è in caricamento