rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Fitness

Padel, lo sport più amato dagli italiani: continuano a crescere le iscrizioni

In calo palestre e scuole di danza

Le continue restrizioni hanno reso la vita degli appassionati di sport sempre più difficile. Con la chiusura di palestre e piscine, dei centri sportivi e della possibilità di allenarsi con un personal trainer, in tanti hanno dovuto adeguarsi e cambiare disciplina. Il padel è diventato in poco tempo lo sport preferito dalla stragrande maggioranza degli italiani.

Un crescente numero di iscritti (+274%), che contrastano con il netto calo degli abbonamenti in palestra. Sportclubby, la principale piattaforma per il booking di sport e benessere, usata da oltre 700mila sportivi in 800 strutture in tutta Italia, rivela i nuovi numeri e le abitudini sportive degli italiani.

Un iscritto su tre prima di novembre 2020 praticava altre discipline, come crossfit e pesistica. Il padel conta invece una community digitalizzata: il 37% gioca 3-4 volte a settimana e più di 1 su 10 gioca quotidianamente, in alcuni casi weekend incluso.

Altri sport di tendenza

Tanti altri sono gli sport che in questi ultimi mesi hanno affascinato gli italiani, tra cui il tennis (+94%) e il calcetto, con le prenotazioni dei campi raddoppiate (+122%).

Segno positivo anche per le discipline che si svolgono in piscina, come l'acquagym e il nuoto, ma anche il calcio torna a essere una degli sport più praticati, soprattutto dai bambini.

Palestre e scuole di danza invece sono contraddistinte dal segno negativo.

Toscana, Campania e Liguria, seguite da Lazio ed Emilia Romagna registrano il maggior numero di abbonati a diversi tipi di sport.

"Le difficoltà che sportivi e club hanno dovuto affrontare in questi due anni rischiano di pesare soprattutto tra le fasce più fragili della popolazione. In questo, app e strumenti digitali possono aiutarci ad invertire la rotta, facilitando l'accesso allo sport nella nuova normalità. Da una parte, occorre ripensare l'intero sistema sport italiano, con un occhio ad una popolazione che invecchia, ma che si è abituata a gestire ogni aspetto della propria vita da smartphone. Dall'altra, dobbiamo diffondere una cultura del movimento fin dalle più giovani generazioni, facilitando i genitori nell'avviamento sportivo dei propri figli. Sportclubby lavora fianco a fianco con centinaia di gestori di club proprio per rispondere a queste sfide, in un contesto in continua evoluzione" spiega Stefano De Amici, cofondatore di Sportclubby.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padel, lo sport più amato dagli italiani: continuano a crescere le iscrizioni

ChietiToday è in caricamento