Prurito al cuoio capelluto: 5 rimedi naturali per risolvere una volta per tutte

Se si prova continuamente il desiderio di grattarsi la testa, forse il problema è più serio

Il prurito al cuoio capelluto può essere scatenato da diverse cause innocue, ma se si prova continuamente il desiderio di grattarsi la testa, forse il problema è più serio. In ogni caso, si può risolvere anche con una serie di rimedi naturali. Ciò che conta è individuare la causa scatenante e modificare, probabilmente, la propria routine per quanto riguarda il lavaggio dei capelli, soprattutto se si presentano altri fastidi come rossore, desquamazione e dolore.

Cause  

Il prurito alla testa spesso è la chiara manifestazione di un’infiammazione localizzata sul cuoio capelluto. Questa può essere la conseguenza dovuta all'utilizzo di prodotti aggressivi, shampoo e balsamo in primis. Può anche derivare da allergie o un periodo di forte stress. Generalmente le cause del prurito alla testa sono:

  • forfora - una desquamazione del cuoio capelluto che solitamente si associa a prurito più o meno intenso;
  • dermatite seborroica - malattia cutanea che si presenta con lesioni squamose ed infiammate, concentrate soprattutto dietro le orecchie, lungo il contorno del cuoio capelluto e, in alcuni casi, anche sul petto e sulle sopracciglia, che causano forte prurito;
  • dermatite da contatto - spesso causata da allergie o intolleranze ad uno o alcuni dei componenti dei prodotti per il lavaggio e/o la cura dei capelli, in questo caso il prurito si manifesta dopo l’applicazione di questi prodotti per poi scomparire quando se ne sospende l’impiego;
  • psoriasi - una patologia infiammatoria a carico del sistema immunitario, che si manifesta con bruciore e prurito misto a chiazze rossastre, coperte di squame dal colore biancastro e secche. Può colpire anche il cuoio capelluto e causare prurito più o meno intenso;
  • stress - forti periodi di stress possono favorire un indebolimento del fusto dei capelli, con conseguente irritazioni, prurito e caduta;
  • tinte chimiche e prodotti per capelli aggressivi - sia le tinte per capelli che l'utilizzo costante di prodotti per capelli aggressivi sono la causa più comune di prurito e bruciore al cuoio capelluto.

Per non peggiorare la situazione, meglio iniziare a utilizzare prodotti delicati e rispettosi della cute, emollienti e lenitivi, possibilmente naturali e bio.

Rimedi naturali

Di seguito vi elenchiamo 5 rimedi naturali per dire addio al prurito al cuoio capelluto.

Calendula. Nota per le sue proprietà calmanti e lenitive, è una delle piante medicinali più conosciute, solitamente utilizzata per calmare diversi tipi di irritazioni e infiammazioni cutanee. Per combattere il prurito al cuoio capelluto basta preparare un infuso con i fiori di calendula, da utilizzare come balsamo o crema, da applicare dopo lo shampoo senza risciacquare i capelli.

Olio essenziale di menta. Dona sollievo immediato grazie alla sensazione di freschezza e al suo effetto antinfiammatorio. Attiva la circolazione, regola l’eccesso di sebo, combatte le infezioni e la caduta dei capelli. Basta utilizzarne una piccola quantità, per non irritare il cuoio capelluto, da aggiungere direttamente al tuo solito shampoo: ne bastano 5 gocce ogni 100 ml di prodotto.

Aloe e camomilla. Un fluido calmante che si ottiene mescolando 3 cucchiai di gel di aloe vera con 7 gocce di olio essenziale di camomilla. Va applicato come maschera sul cuoio capelluto senza inumidire i capelli, lasciare in posa per 20 minuti e risciacquare.

Tuorlo d'uovo. Se il cuoio capelluto è secco, si può applicare una maschera pre-lavaggio per mezz’ora circa di uno o più tuorli d'uovo, a seconda della lunghezza dei capelli. L’uovo è ricco di proteine e grassi, che nutrono il cuoio capelluto, rendendo i capelli morbidi e sani.

Olio di cocco e tea tree. Un rimedio per combattere quasi ogni tipo di fungo o batterio. Si può preparare una maschera mescolando 3 cucchiai di olio di cocco e 7 gocce di olio essenziale di tea tree. Bisogna applicarla prima di andare a dormire e lasciare agire per tutta la notte. Il mattino dopo lavare i capelli come d’abitudine. È possibile, data la sua potenza, che il tea tree oil possa essere irritante, quindi conviene prima di tenerlo in posa un’intera notte, fare un test sulla pelle per vedere se la irrita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso della Regione Abruzzo per 14 posti a tempo indeterminato

  • Miglianico, Matteo non ce l'ha fatta: morto il 18enne colpito alla testa

  • Malore improvviso dopo una discussione: muore nel cortile del palazzo

  • Ciaspolate, sci alpinismo e passeggiate in montagna anche in zona arancione: le Faq sull'ultimo Dpcm

  • Primo appuntamento: Bernardo conquista Giusy con la sua spontaneità [Video]

  • Anziana positiva al Covid rimane sola perché il figlio è ricoverato: il medico dell'Usca le fa compagnia e le prepara da mangiare

Torna su
ChietiToday è in caricamento