Gravidanza in estate: come affrontarla senza stress

Il gonfiore è uno dei disturbi tipici della gravidanza che si accentua maggiormente quando fa caldo, quindi in estate

@Unsplash

La gravidanza in estate può essere snervante per via del caldo e quindi dei relativi gonfiori e disturbi che, in genere, si evidenziano in tutte le persone ma che sembrano più grandi quando si è in dolce attesa. Chi è incinta dovrà affrontare temperature climatiche sempre più alte, sudore e affanno oltre ai vari disturbi tipici dei 9 mesi, dalla nausea all’acidità di stomaco fino al gonfiore delle gambe e relativa pesantezza.

Come combattere il caldo

Indipendentemente se si è incinta o meno, per combattere il caldo i consigli sono sempre gli stessi:

  • bere tanta acqua ed essere sempre idratata, evitando di esporsi durante le ore più calde e stare perennemente con il condizionatore in azione;
  • indossare abiti comodi e chiari, meglio se realizzati in tessuto naturali e traspiranti come cotone e lino;
  • fare spesso docce e bagni, evitando di usare sempre il sapone, per rinfrescarsi velocemente.

Combattere il gonfiore in gravidanza

Il gonfiore è uno dei disturbi tipici della gravidanza che si accentua maggiormente quando fa caldo, quindi in estate. Che fare?

  • Evitare di stare a lungo in piedi ferma, piuttosto camminare in città o al mare;
  • quando le gambe sono molto gonfie si possono tenere sollevate per riattivare la circolazione.

Attenzione allo stress

In gravidanza non bisogna fermarsi ma rallentare un po’ è buona norma. In questo modo il corpo potrà riposarsi di tanto in tanto.

La gravidanza in vacanza

Si possono affrontare le vacanze se si è incinte? Certo che sì, ma bisogna sempre tenere conto delle location in cui si intendono trascorrere.

Al mare: bisogna sempre usare una crema solare con Spf elevato (50 o 50+), non esporsi nelle ore più calde e fare lunghe passeggiate sul bagnasciuga.

In montagna: non conviene superare i 1300/1400 metri di altitudine, perché diminuisce la concentrazione di ossigeno nell’aria, e il sistema placentare ha bisogno di raccogliere più ossigeno possibile dall’organismo materno.

In aereo: farsi riservare un posto dal quale ci si può alzare facilmente, per sgranchirsi le gambe, e fare movimenti circolari con mani e piedi quando si resta sedute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: altri 9 nuovi casi in Abruzzo e c'è anche un decesso

  • Bimbo si accascia nei pressi di Ikea: vigilante gli salva la vita dopo il massaggio cardiaco

  • Coronavirus: quattro nuovi casi oggi in Abruzzo e tre riguardano la provincia di Chieti

  • Tragico schianto in galleria durante le vacanze: morto un ragazzo di Tollo

  • Beve una bibita e inizia a vomitare sangue: 15enne soccorso elicottero sul monte Amaro

  • FOTO-Ordigni bellici in mare a Fossacesia, balneazione vietata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento