Stampi da forno in silicone: sono rischiosi?

Sempre più utilizzati in cucina, gli stampi da forno in silicone risultano estremamente comodi, perché antiaderenti e durevoli

Sempre più utilizzati in cucina, gli stampi da forno in silicone risultano estremamente comodi, perché antiaderenti e durevoli.

Tuttavia, anche se in commercio ne esistono di numerosi colori, dimensioni e figure, alcuni test effettuati hanno portato alla luce delle problematiche legate proprio all’utilizzo del silicone alimentare in cucina.

Il test di Altroconsumo

Altroconsumo ha testato, nel 2007, un campione di 19 stampi da forno in silicone, sottoponendoli a una temperatura di 200°C e verificando la presenza di una eventuale migrazione di sostanze dal silicone agli alimenti o di una eventuale perdita di peso da parte dello stampo stesso.  

Alimenti ricchi di vitamina D

16 stampi su 19 si è verificata una migrazione di sostanze dal silicone agli alimenti durante la prima cottura, mentre alla terza cottura tutti gli stampi non rilasciavano più sostanze. Al contrario, solo 3 stampi su 19 non hanno raggiunto l’idoneità nella prova del peso.

Il silicone alimentare è pericoloso?

Rispetto al 2007 le garanzie sulla sicurezza degli stampi in silicone sono ad oggi notevolmente aumentate. Numerose aziende produttrici sottopongono ad alte temperature i loro prodotti prima della messa in vendita, così da assicurare l'eliminazione di qualsiasi sostanza volatile che possa contaminare gli alimenti.

Per essere più sicuri dell’utilizzo del silicone alimentare in cucina, basta adottare alcune facili precauzioni.

6 consigli per ridurre i rischi

Di seguito vi suggeriamo una serie di consigli da applicare sia in fase di acquisto che di utilizzo in cucina:

  1. verificare sempre la provenienza dello stampo e la presenza del marchio Ce sul prodotto, che assicura la conformità alla normativa europea;
  2. preferire stampi da forno e utensili realizzati in silicone platinico;
  3. in fase di acquisto, testare sempre il materiale, deformandolo con le mani per qualche minuto: se si creano delle crepe o si notano variazioni di colore, meglio non acquistarlo, potrebbe essere indice di scarsa qualità;
  4. scaldare gli stampi ad alte temperature prima di utilizzarli per cuocere gli alimenti;
  5. lavare accuratamente così da ridurre sensibilmente i rischi di migrazione di sostanze tossiche;
  6. evitare di far entrare in contatto gli stampi da forno con sostanze aggressive (detergenti, lame, oggetti appuntiti).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Restano in zona rossa Chieti e altri 8 comuni, Atessa e Guardiagrele sorvegliate speciali

  • Parrucchieri ed estetiste aperti anche nei comuni con maggiori restrizioni, fissata la riapertura delle scuole: Marsilio firma l'ordinanza

  • Pizza scima: la ricetta della focaccia “a rombi” senza lievito

  • Saturimetro: perché acquistarne uno e i migliori in commercio

  • "La gravità sintomi Covid può dipendere dal dna": lo studio dell'università di Chieti

  • Mussolini resta cittadino onorario di Guardiagrele, respinta la proposta di revoca

Torna su
ChietiToday è in caricamento