L'Abruzzo sarà zona rossa da mercoledì, ma non tutte le scuole saranno chiuse

Lo ha detto il presidente della Regione Marsilio in visita all'ospedale di Sulmona. L'ordinanza sarà firmata nelle prossime ore e prevede la didattica in presenza fino alla prima media

Sarà firmata "a breve" l'ordinanza per l'istituzione della zona rossa in Abruzzo, ma le scuole resteranno aperte così come disposto dall'ultimo Dpcm. Lo ha detto il presidente della Regione, Marco Marsilio, a margine della visita di oggi pomeriggio all'ospedale di Sulmona, particolarmente colpito dai contagi da Coronavirus. Le restrizioni saranno in vigore da mercoledì (18 novembre).

Resterà dunque la didattica in presenza per scuola dell'infanzia, primaria e prima media. Didattica digitale per seconda e terza media e, come già accade da qualche giorno, per le scuole superiori.

"In caso contrario, sarebbe insostenibile il peso sulle famiglie", ha detto il presidente Marsilio, che ha spiegato come da ieri siano in corso riunioni e confronti per decidere cosa fare, in particolare sulle scuole. 

Marsilio ha poi aggiunto che la zona rossa, "per quanto dolorosa e difficile da sostenere", verrà istituita per dare respiro agli ospedali abruzzesi. "Prima cominciamo e prima ne usciamo - ha aggiunto - e forse riusciamo a salvare la stagione natalizia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

Torna su
ChietiToday è in caricamento