Mercoledì, 12 Maggio 2021
Attualità

Zona rossa, Sospiri: "Con questo indice di contagio non siamo in condizione di chiudere le scuole"

Il presidente del consiglio regionale si riferisce alle scuole dell'infanzia, alle primarie e alla prima media e chiede garanzie per famiglie ed economia

"Non siamo nelle condizioni strutturali per pensare di chiudere le scuole primarie". Parola del presidente del consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, in attesa della decisione della Regione sull'istituzione della zona rossa in Abruzzo, dopo aver partecipato  all’incontro online con il direttore del dipartimento Salute della Regione Abruzzo Claudo D’Amario.

L'esponente di Forza Italia, in particolare, si riferisce alle scuole dell'infanzia, alle primarie e alla prima media. 

"Fino a quanto l’indice di contagio Rt resterà al dato attuale, 1,34 - spiega - non ci sono le condizioni per chiudere fabbriche o aziende, quindi i genitori devono poter lavorare tranquillamente, sapendo che i propri bambini sono in aula a svolgere le proprie lezioni, e le mamme non possono essere costrette a lasciare il lavoro per occuparsi dei più piccoli che attraverso uno schermo tentano di fare lezione a distanza e non possono materialmente farlo da soli. La salute viene sicuramente prima di ogni altra cosa - aggiunge Sospiri - ma senza terrorizzare il territorio, piuttosto adottando la scelta più giusta e adeguata alla collettività e valutando anche che ci sono differenze sostanziali tra una provincia e l’altra”.

“Stiamo attraversando il momento delle scelte ponderate e graduali, forse le più difficili perché non possono parlare alla pancia della gente, ma devono essere dettate esclusivamente da valutazioni e considerazioni oggettivamente evidenti – sottolinea il presidente Sospiri - Partiamo dal presupposto che non stiamo parlando da barricate contrapposte, da una parte i cattivi che vogliono chiudere le scuole e dall’altra chi, come me, ha espresso contrarietà sin dal primo istante. Entrambe le parti hanno espresso considerazioni partendo da due profili diversi: personalmente ritengo che, prima di poter chiudere le scuole, con un incide di contagio a 1,34, dobbiamo dire alle tantissime mamme lavoratrici dove portare i figli al mattino, non avendo previsto la chiusura dei posti di lavoro. A oggi - puntualizza Sospiri - non ritengo che la chiusura delle scuole sia un provvedimento sostenibile. Ugualmente, dire che oggi chiudiamo tutto per poi riaprire a Natale, ritengo sia una strategia lungimirante, ma non possiamo ignorare che ci siano aree commerciali che, in termini economici, producono per interi territori ed è difficile oggi dire che chiudiamo di nuovo tutto senza dire chi paga, cosa paga, quanto e quando paga".

"All’Aquila - aggiunge - si sta sicuramente vivendo una situazione di criticità che a breve potrebbe arrivare anche a Pescara, ma l’impatto economico di una nuova chiusura completa sarà comunque devastante, e noi invece dobbiamo anche assicurarci che poi il singolo imprenditore commerciale possa avere effettivamente la forza di riaprire la propria bottega a Natale. Piuttosto, avrei visto di buon occhio ordinanze severe mirate, che poi i sindaci devono far rispettare in modo rigoroso, ad esempio per imporre ai cittadini di stare a casa il sabato e la domenica, o la sera una volta finito il lavoro, perché questo è il modo vero per impedire gli assembramenti. E aspettiamo – ha aggiunto il presidente Sospiri – anche di sapere quale sarà il nuovo ristoro del Governo per una eventuale zona rossa, sappiamo che il governatore Marsilio sta lavorando per assicurare nuove risorse per l’Abruzzo che ci permetterà di di far fronte a una situazione che è esplosiva”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona rossa, Sospiri: "Con questo indice di contagio non siamo in condizione di chiudere le scuole"

ChietiToday è in caricamento