menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Abruzzo intravede il giallo: con l’indice Rt più basso d’Italia zona gialla dal 7 gennaio

La classificazione, come riferisce il presidente della Regione Marco Marsilio, sarebbe stata già confermata dal ministro della Salute Roberto Speranza

L’Abruzzo intravede il giallo dopo le festività:  con indice di trasmissione di contagio più basso d’Italia al momento e una valutazione di rischio basso, dal 7 gennaio la nostra regione potrà tornare in zona gialla.

Lo ha ribadito oggi il presidente della Regione Marco Marsilio che ha avuto la conferma dal ministro della salute Roberto Speranza.

Indice Rt in Abruzzo a 0,65

I dati diffusi nell’ultimo report della cabina di regia certificano che l’Abruzzo oggi è la Regione con l’indice di trasmissione del contagio (Rt) più basso d’Italia, pari a 0,65 (con una media nazionale di 0,93). Mentre la media nazionale sale e si avvicina pericolosamente a 1 (con quattro regioni già sopra quella soglia e altre due a 1), in Abruzzo il dato continua a scendere. Una discesa iniziata quando la regione è entrata in zona rossa con ordinanza regionale, lo scorso 18 novembre.

Le province dell’Aquila e Teramo che hanno subito il maggior impatto nella seconda ondata oggi registrano i valori più bassi, mentre ora sono Pescara e Chieti ad alzare la media regionale. Qui non è ancora partito lo screening di massa, previsto dal 2 gennaio in poi.

L’Abruzzo torna in fascia gialla

Intanto la ripartenza in fascia gialla dal 7 gennaio diventa una certezza ribadita anche in occasione di un colloquio telefonico che il governatore Marsilio ha avuto questa mattina con il ministro Speranza. Entrambe le valutazioni su ‘impatto’ e ‘probabilità’ convergono su un rischio classificato come ‘basso’.

“Il tempo è galantuomo: le misure messe in campo hanno colto l’obiettivo e continueranno a farlo in maniera duratura” ha commentato Marsilio ringraziando “tutti i protagonisti di questo anno difficile”, ma soprattutto quanti passeranno anche il Capodanno in corsia e, naturalmente, i cittadini abruzzesi “che con i loro comportamenti disciplinati e responsabili hanno consentito di raggiungere questi risultati”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento