L'arcivescovo Forte porta doni ai bimbi ricoverati: "Vi ricordo nella preghiera"

Questa mattina la visita pastorale dell’arcivescovo all’ospedale SS. Annunziata di Chieti dove ha incontrato i pazienti e il personale e donato tenerezza ai piccoli ricoverati

"Sono qui a dirvi grazie per quello che fate, e che vi ricordo nella preghiera": è iniziata così la visita pastorale dell’arcivescovo di Chieti-Vasto Bruno Forte all’ospedale di Chieti. Accompagnato dal cappellano, padre Renato Salvatore, monsignore stamani è stato accolto dal direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti Thomas Schael, dal responsabile della Direzione medica del presidio Fernando Di Vito e dai volontari di Cittadinanzattiva. 

Il primo incontro con pazienti e personale è avvenuto alla clinica oncologica, luogo che l’arcivescovo ha definito “di dolore, ma anche di speranza”, dove accanto alla cura si sviluppano progetti di ricerca. "Prego sempre affinché la Volontà Divina - ha detto - possa ascoltare la richiesta dei tanti che attendono terapie risolutive".

Alle parole di Padre Bruno hanno fatto eco quelle del direttore generale della Asl: "Siamo impegnati in un progetto di innovazione che pone in primo piano attività come la genetica - ha messo in evidenza Schael -, poiché un Policlinico deve puntare a obiettivi importanti, tra cui la medicina personalizzata. Oggi l’identificazione delle caratteristiche genetiche di un tumore permette di orientare la cura in modo più preciso, scegliendo il farmaco più adatto. Va in questa direzione, quindi, la nostra scelta di creare qui a Chieti un unico Laboratorio caratterizzato da un livello altissimo di innovazione tecnologica".

Momenti tenerezza poi, con i piccoli ricoverati della clinica pediatrica, ai quali Padre Bruno ha portato doni personalizzati in base all’età e al sesso. Poi l’incontro con i pazienti della clinica psichiatrica. Prima di congedarsi, l’arcivescovo ha fatto visita ai ricoverati della Rianimazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore investita dall'auto con la figlia minorenne a bordo: la vittima era di Chieti

  • C'è crisi ma non si trovano i lavoratori da assumere: a Chieti e provincia mancano venditori, camerieri e camionisti

  • Morto l'uomo caduto all’interno della scala mobile di Chieti

  • Da Francavilla ad "Avanti un altro", Al Di Berardino conquista Bonolis: "Per me ha già vinto!"

  • In auto con due chili di cocaina pura: arrestato dopo inseguimento da Chieti Scalo a Vasto

  • Da innamorato a stalker dopo che lei sposa un altro, "Siamo in due a non vivere più": arrestato

Torna su
ChietiToday è in caricamento