Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO I Parco nazionale della Majella: l'orso si gratta contro un albero e sembra danzare

Le immagini immortalate dai tecnici sono molto preziose per studiare il comportamento di questi animali; sui peli lasciati sul tronco saranno condotti test genetici

 

Sembra abbandonarsi a una danza ritmata l'orso del parco nazionale della Majella immortalato da una telecamera mentre si strofina su un grosso albero. Un comportamento tipico di questi plantigradi, forse motivato dal fatto che l'animale, sentendo l'odore di altri esemplari sul tronco, abbia voluto lasciare il suo.

L’uso degli alberi come grattatoi è un comportamento mostrato dagli orsi in tutto il loro areale ma ancora non è completamente conosciuto e compreso. 

I maschi adulti si grattano più delle femmine adulte e dei subadulti e tutti si grattano di più durante la stagione degli amori. Tuttavia, orsi di diversa età e sesso si grattano durante tutte le stagioni, rivelando che questo è qualcosa di più di un comportamento legato all'accoppiamento. Sembra, infatti, che gli orsi attraverso l’odore lasciato sui grattatoi comunichino con altri individui scambiando così informazioni sulla loro presenza.

Questa particolare attività è preziosissima per i tecnici del Parco. Infatti grattandosi sugli alberi gli orsi lasciano peli che possono essere raccolti come campioni genetici.

Nel Parco della Majella la raccolta e l'analisi di questi campioni, una delle attività previste dal Progetto Europeo Life Arcprom del quale la Majella è l’unico Parco Nazionale italiano partner, consentirà di valutare il numero, il sesso e, eventualmente, la parentela degli orsi presenti nell'area protetta, un'informazione essenziale per pianificare le azioni di conservazione di questa sottospecie in pericolo critico di estinzione

Potrebbe Interessarti

Torna su
ChietiToday è in caricamento