VIDEO - "Sono guarito dal Coronavirus e ora vedo la vita in modo diverso: è importante restare a casa"

Il 30enne guarito grazie alla terapia sperimentale con il Tocilizumab racconta la sua battaglia con il Covid 19, le preoccupazioni per i suoi cari e raccomanda di attenersi alle regole

Marco (nome di fantasia), ha 30 anni e un lavoro pieno di soddisfazioni, fino all'incidente di percorso che mai avrebbe potuto immaginare: essere contagiato dal Coronavirus. Ricoverato nella Clinica di Malattie infettive del Santissima Annunziata di Chieti, l'uomo è guarito grazie alla terapia sperimentale usata in reparto.

E, oggi, è la sua voce, nell'intervista diffusa dall'azienda sanitaria Lanciano-Vasto-Chieti, a raccontare l'incubo della malattia, dei giorni trascorsi in isolamento, della vita che oggi è cambiata.

Marco non sa dove ha contratto il virus: "È accaduto e basta - racconta - e farsi domande oltre un certo limite non era d’aiuto". Nelle due settimane di battaglia contro il Covid 19, è stato sempre informato e consapevole della patologia e della scelta del responsabile della Clinica, Jacopo Vecchiet, di curarlo con il Tocilizumab, farmaco già impiegato nella cura dell’artrite reumatoide e in grado di ridurre l’infiammazione che causa danni agli organi. Ha dato il consenso ed è iniziato il percorso. Coltivando dentro di sé la speranza di poter voltare pagina presto e tornare agli affetti ai quali, durante la degenza, ha continuato a pensare con tanta preoccupazione. 

"Quando sei lì hai paura non solo per te - ricorda - ma per quelli che sono a casa e temi di avere contagiato. Mi tormentava il pensiero di essere causa di sofferenza per le persone che amo di più e che mai avrei voluto mettere in pericolo".

Tante le emozioni provate in un reparto nel quale si è isolati e i contatti con il mondo di fuori sono pochissimi: il senso di solitudine, l’angoscia lo hanno accompagnato a lungo, ma poi è prevalso il senso della realtà: l’importante era mettere al sicuro la salute, a costo di qualunque sacrificio, e in quel reparto lui si è sentito sempre protetto. La sensazione era di trovarsi nel posto giusto, in mani sicure. 

"Arriva un momento nel quale pensi a una sola cosa - racconta Marco - devi migliorare la tua condizione, vale solo quello". E, di sicuro, la battaglia contro il Coronavirus ha lasciato il segno: "La mia vita è cambiata sicuramente - confida -, queste sono situazioni che fanno riflettere e io di tempo per pensare ne ho avuto in ospedale. E sì, sono cambiato eccome. Ognuno dovrebbe apprendere qualcosa da questi giorni, perché è la vita di tutti a essere cambiata”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Mibact: pubblicati gli avvisi per la formazione delle graduatorie, in Abruzzo 21 posti

  • Una bimba abruzzese disegna il nuovo peluche venduto da Ikea

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • VIDEO - Facevano acquistare alla Asl protesi a prezzo gonfiato: quattro persone arrestate e 2 medici sospesi

  • Firmato il nuovo Dpcm: tutti i divieti e le restrizioni in vigore per un mese

  • Serve clienti al bancone dopo le 18: barista sanzionato dai carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento