rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Attualità

Chiusura anticipata dei negozi Venerdì Santo, il Comune ci ripensa: "Dopo il corteo possono ricevere i clienti"

Dalla comandante della municipale Di Giovanni la puntualizzazione sull'ordinanza firmata ieri dal sindaco, che prevede di abbassare le serrande alle 17: "Non viene impedita la vendita, ma solo di fermarsi in quel lasso di tempo"

"Le attività resteranno ferme solo al passaggio del corteo". È la rassicurazione che arriva dalla comandante della polizia municipale, Donatella Di Giovanni, dopo le polemiche sorte per l'ordinanza di chiusura di tutte le strade del centro cittadino nel pomeriggio di Venerdì Santo. 

Venerdì, infatti, ci sarà una processione in forma ridotta, che vedrà protagonista l'arcivescovo Bruno Forte, il quale porterà il crocifisso dalla cattedrale di San Giustino alla chiesa della Trinittà.

In tanti, da ieri, hanno lamentato che la chiusura dell'intero centro storico e delle strade limitrofe dalle 17 alle 19 fosse una misura esagerata, così come la chiusura al pubblico degli esercizi commerciali, che hanno riaperto i battenti da pochi giorni, dopo lunghe settimane di chiusura.

“L’ordinanza - puntualizza la comandante - mette nero su bianco le richieste che arrivano dalle forze dell’ordine che compongono il tavolo prefettizio di ordine e sicurezza pubblica. La richiesta è fare in modo che non si creino folle in modo da non creare il rischio di contagi. Per tali ragioni il centro storico sarà inaccessibile dalle 17 alle 19, lasso di tempo richiesto dal tavolo prefettizio, che nei fatti si limiterà a mettere in sicurezza i momenti salienti della giornata". 

Alle ore 17, è in programma la funzione nella cattedrale di San Giustino. Dopodiché, alle 18, partirà il piccolo corteo che percorrerà via Pollione, largo Valignani, corso Marrucino, fino a piazza Trento e Trieste. 

"Una volta passato il corteo - chiarise la comandante - sarà nostra cura provvedere a riaprire via via anche le strade, per consentire alla mobilità di tornare alla normalità". 

E, in risposta alle polemiche, Di Giovanni spiega: "Stesso discorso vale per i negozi, ai quali non viene impedita la vendita, ma in quel lasso di tempo viene chiesto semplicemente di fermarsi per consentire il passaggio in solitaria del corteo. Subito dopo le attività potranno tornare alla normalità, così come potranno scegliere di fare orario continuato e chiudere prima, ma solo se lo vorranno: la richiesta del tavolo è evitare che si creino occasioni di assembramento nel contesto della processione. La polizia municipale e i volontari della protezione civile opereranno per far sì che tutto si svolga senza problemi e nessuno viva disagi derivanti da un’esigenza concreta che è quella di non rinunciare al nostro rito , ma viverlo in piena sicurezza”.

L'ordinanza numero 38, firmata ieri dal sindaco e che si può scaricare in fondo al pezzo, parla di "chiusura anticipata alle ore 17 di tutte le attività produttive".

L'ordinanza: l'elenco completo delle strade chiuse

Ordinanza_n._38

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura anticipata dei negozi Venerdì Santo, il Comune ci ripensa: "Dopo il corteo possono ricevere i clienti"

ChietiToday è in caricamento