Attualità

Vaccino e tampone rapido per prevenire i focolai e somministrazioni a scuola: è la campagna della Asl "No Dad, sì vax"

L'obiettivo è associare un'estesa copertura vaccinale con la sorveglianza sanitaria: in programma l'open day aperto a studenti, genitori, insegnanti, operatori scolastici e personale esterno

"No Dad, sì vax": è il progetto della Asl Lanciano Vasto Chieti per prevenire l'insorgenza di focolai a scuola e all'università. Attraverso un'azione di doppia prevenzione, con la combinazione vaccino-tampone, l'obiettivo è associare un'estesa copertura vaccinale con la sorveglianza sanitaria. 

Per questo, sabato 11 e domenica 12 settembre si terrà un open day scuola, aperto a studenti, genitori, insegnanti, operatori scolastici e personale esterno quali addetti alla mensa, ai servizi di trasporto e pulizie: potranno vaccinarsi senza prenotazione e, se lo vorranno, essere sottoposti a tampone rapido contestualmente, così da rientrare in aula in sicurezza. 

Le sedi

Pta Guardiagrele 11 e 12 mattina
Sala polivalente Casoli 11 e 12 mattina
Pta Gissi 11 e 12 mattina
Ospedale Atessa 11 e 12 pomeriggio 
Centro riuso Francavilla 11 e 12 matttina
Micoperi Ortona 11 e 12 mattina
PalaColle dell'Ara Chieti 11 e 12 mattina
PalaMasciangelo Lanciano 11 e 12 mattina
PalaBcc Vasto 11 e 12 mattina
Palazzetto dello sport San Salvo 11 mattina e pomeriggio, 12 pomeriggio
Dsb Villa Santa Maria 13 e 14 mattina
Palazzetto sport Scerni 17 mattina

La stessa attività proseguirà fino a venerdì 24 settembre negli hub vaccinali Pala Masciangelo a Lanciano, Pala Bcc a Vasto e Pala Colle dell’Ara a Chieti. 

Inoltre la Asl, al fine di agevolare l’accesso alla vaccinazione per studenti, famiglie e personale scolastico residenti nei comuni a più alta densità di popolazione scolastica, effettuerà somministrazioni direttamente negli istituti con la collaborazione dei due team mobili della Difesa già attivi in provincia di Chieti. A partire da lunedì 13 settembre prenderà il via la vaccinazione nella scuola secondaria di I e II grado di Villa Santa Maria, San Salvo, Vasto, Atessa, Lanciano, Scerni, Ortona, Francavilla e Chieti.

“Quello della scuola è un grande tema della sanità pubblica - dice il direttore generale della Asl Thomas Schael - sul quale abbiamo voluto investire. Nella nostra provincia risulta già vaccinato il 63% della popolazione scolastica oltre i 12 anni, un dato che rappresenta già un buon punto di partenza e che possiamo migliorare con questo progetto andando dentro le scuole. Abbiamo scelto di andare negli istituti più frequentati, anche da ragazzi che arrivano da fuori regione come l’Alberghiero di Villa Santa Maria, l’Agrario di Scerni e il Nautico di Ortona, e nelle città e nei centri più urbanizzati che avevano fatto registrare un impatto pandemico più forte nelle fasi precedenti. Abbiamo quindi strutturato questa nuova iniziativa sulla base dei numeri ricavati dall’intensa attività di testing condotta dal nostro dipartimento Prevenzione, e hanno portato ad accertare 1.932 casi nelle scuole, così ripartiti: 24% a Vasto, 22% a Lanciano, 14% a Chieti, 12% a Francavilla, 8% a Guardiagrele, 6% a Ortona. Alla luce di questi dati è di assoluta evidenza l’importanza della vaccinazione e dell’opportunità che la nostra Asl, grazie alla preziosa collaborazione del Team mobile della Difesa,  offre al mondo della scuola e alle famiglie:  se riusciamo a proteggere le classi e i nuclei familiari i ragazzi potranno dire realmente addio alla Dad e tornare a vivere la normalità delle lezioni in presenza”.

Le vaccinazioni nelle scuole avranno inizio lunedì 13 all’Alberghiero di Villa Santa Maria, e proseguirà nei giorni successivi a San Salvo e a Vasto fino a fine mese. Poi toccherà alle altre città. Il programma è stato concordato da Donatella Belfatto, referente aziendale Covid scuole, con la dirigenza scolastica, che provvede a comunicare data e orario della presenza del team vaccinale nell’istituto. Alle famiglie viene anche inviata la modulistica inclusa quella specifica per i minori, che devono essere accompagnati da entrambe i genitori o da uno solo che abbia acquisito il consenso dell’altro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino e tampone rapido per prevenire i focolai e somministrazioni a scuola: è la campagna della Asl "No Dad, sì vax"

ChietiToday è in caricamento