Campagna vaccinazione antinfluenzale, i pediatri della provincia di Chieti rinunciano ai compensi

È il risultato dell'accordo sottoscritto oggi tra la Asl Lanciano Vasto Chieti e le organizzazioni sindacali dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta

Tutti i pediatri della provincia di Chieti hanno rinunciato ai compensi, per favorire la buona riuscita della campagna vaccinale sui bambini. È il risultato dell'accordo sottoscritto oggi tra la Asl Lanciano Vasto Chieti e le organizzazioni sindacali dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, che hanno affrontato il tema dell’influenza nel contesto della stagione 2020, inevitabilmente condizionato dal Covid-19.

L'obiettivo è allargare l'adesione di adulti e bambini, raggiungendo una copertura ben più massiccia del passato della popolazione target e di quella a rischio.   

L’incontro era finalizzato, tra l’altro, a definire il corrispettivo economico della partecipazione alla campagna vaccinale dei professionisti della medicina generale e pediatria, arrivando a un’intesa così formalizzata: tutte le sigle sindacali della pediatria hanno scelto di offrire gratuitamente la vaccinazione, rinunciando sia al corrispettivo della singola prestazione che alla quota incentivante, così come anche l’Intersindacale. La Fimmg ha optato per non chiedere l’attribuzione dell’incentivo, remunerando i medici che somministreranno i vaccini con la sola quota fissa. Invece Smi e Snami hanno preferito una strada diversa e preteso la quota di incentivo proposta dalla Asl, oltre alla tariffa prevista dall’accordo collettivo nazionale.  

“È necessaria la collaborazione di tutti per proteggere la salute collettiva, più che mai in un momento come questo, con la minaccia globale della pandemia - ha detto il direttore generale della Asl Thomas Schael - Dobbiamo puntare a vaccinare almeno 140 mila persone nella nostra provincia, e come Asl faremo la nostra parte con aperture straordinarie di ambulatori vaccinali dentro e fuori gli ospedali, con il coinvolgimento dei distretti sanitari e con la collaborazione che sono certo non faranno mancare medici di medicina generale e pediatri di libera scelta”. 

Le sigle sindacali erano così rappresentate: Amedeo Spinelli segretario regionale Simpef, Umberto Muzii per Sinspe/Cipe-SIspe, Vincenzo D’Onofrio per Fimp, Ernesto Cristiano per Snami, Mauro Petrucci per Fimmg, Walter Palumbo per Intersindacale, Nadia Bozzi per Smi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento