menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I sindacati sui vaccini prioritari a magistrati e personale giudiziario: "Decisione sbagliata"

Antonio Iovito (Spi Cgil), Mario Gatti (Fnp Cisl) e Germana Temporin (Uilp Uil) criticano la scelta della giunta regionale Marsilio di dare priorità anche al personale delle Procure e dei tribunali nella campagna vaccinale

Le organizzazioni sindacali non condividono la decisione della giunta regionale abruzzese di ampliare, nell'ambito della campagna vaccinale anti Covid-19, le priorità a categorie non ricomprese nei criteri dal Governo nazionale.
I segretari generali regionali di Spi Cgil, Fnp Cisl, e Uilp Uil nell'apprendere della decisione di estendere la vaccinazione in via prioritaria anche a categorie professionali, non considerate dal ministero della Sanità appartenenti alla prima fascia di rischio e nel richiamare i criteri di priorità delle “vaccinazioni anti-covid”, riconfermati dall'assessore alla Salute, Nicoletta Verì ai sindacati, nell'incontro che si è svolto il 5 marzo, e disattese con l'apertura a categorie non prioritarie, esprimono la più ferma protesta, per il mancato rispetto dei criteri di priorità nelle vaccinazioni.

«La decisione assunta dalla dalla giunta regionale», si legge in una nota, «oltre ad essere in palese contraddizione con gli indirizzi del Governo e delle stesse dichiarazioni e rassicurazioni della giunta regionale, non è condivisibile perché introduce elementi di valutazione arbitrari che amplia la fascia delle priorità, aprendo una contrapposizione tra categorie e perdendo di vista i criteri di fragilità, dell'età e dell'esposizione al rischio reale. Si apre quindi anche in Abruzzo, nonostante il chiaro indirizzo ribadito recentemente dal presidente del Consiglio Draghi, un sistema di “aggancio” alle figure socialmente più forti e non socialmente più esposte al rischio. Si tratta di una decisione sbagliata, perché mette in una inutile contrapposizione i diritti degli anziani e delle persone fragili con i diritti delle diverse categorie di lavoratori e di tutti i cittadini che devono essere vaccinati. I segretari, anche alla luce delle recenti proteste dei sindaci delle zone interne per l'impossibilità a rassicurare i propri cittadini anziani dei rispettivi Comuni, auspicano un doveroso ed urgente chiarimento verso tutti cittadini abruzzesi e ridare credibilità al Piano Vaccinale presentato. Allo stesso tempo si augurano una maggiore corretta coerenza nel sistema delle relazioni tra giunta regionale e organizzazioni sindacali».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

“Mio padre chiamato per il vaccino un mese dopo il decesso”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento