Mercoledì, 29 Settembre 2021
Attualità

L'università d’Annunzio si mobilita per gli studenti afgani: stanziati 300mila euro

Questa mattina il rettore, Sergio Caputi, il senato accademico e il consiglio di amministrazione si sono riuniti in seduta straordinaria per offrire la propria disponibilità all’accoglienza

L’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti è pronta ad accogliere vista l’emergenza in atto, scende in campo a sostegno delle studentesse e degli studenti afgani.

Questa mattina il rettore, Sergio Caputi, il senato accademico e il consiglio di amministrazione si sono riuniti in seduta straordinaria per offrire la propria disponibilità all’accoglienza e permettere loro di iniziare o concludere i propri percorsi formativi presso l'ateneo teatino.

Si è pensato di riservare maggiore attenzione a chi oggi vive con più difficoltà questa situazione, ossia alle giovani donne afgane.

 A tale scopo la “d’Annunzio” ha creato un fondo dedicato di 300mila euro da erogare in tre annualità. Tali somme andranno a copertura dei costi di vitto e alloggio oltre che delle iscrizioni che saranno gratuite, inoltre, l’ateneo offrirà anche un percorso di formazione linguistica per assicurare le migliori condizioni di accoglienza e di integrazione.

La “d’Annunzio” auspica che "tale iniziativa possa essere sviluppata anche in collaborazione con tutte le istituzioni e gli enti preposti all’attivazione ed alla gestione di corridoi umanitari - dice il rettore, Sergio Caputi - un segnale immediato, forte e soprattutto concreto a favore dei tanti giovani che altrimenti potrebbero vedere irrimediabilmente compromesso il proprio futuro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'università d’Annunzio si mobilita per gli studenti afgani: stanziati 300mila euro

ChietiToday è in caricamento