rotate-mobile
Attualità

La d'Annunzio guida il grande progetto europeo per formare 11 nuovi esperti di terremoti

L'università di Chieti-Pescara capofila di 8 atenei e centri di ricerca. L'obiettivo è migliorare la capacità di previsione degli eventi sismici

Attende solo la sottoscrizione della convenzione operativa il progetto 'Tread: data and processes in seismic hazard”, finanziato dall’Unione Europea con circa 2,7 milioni di euro nell’ambito dell’Horizon-Msca-Dn-2021. Per la prima volta l’università degli studi Gabriele d’Annunzio di Chieti-Pescara è capofila di un progetto 'Doctoral networks-Dn', che sarà infatti coordinato dal professor Bruno Pace, docente di Geofisica della Terra solida presso il Dipartimento di ingegneria e geologia dell’ateneo. Tread, che si occuperà di temi che vanno dall'osservazione dei terremoti, alla fisica dei terremoti, fino alle valutazioni della pericolosità e del rischio sismico, sarà attivo 48 mesi, e formerà 11 nuovi esperti grazie ad una rete di ricercatori di altissimo livello scientifico, che copre conoscenze e pratiche di frontiera in campo osservativo, sperimentale e modellistico.

I futuri scienziati potranno infatti contare sui docenti degli otto atenei e centri di ricerca aderenti al progetto, cioè, l’università di Chieti-Pescara, il Centre national de la recherche scientifique Cnrs (Francia), la university Grenobles Alpes (Francia), la Gem Fondation (Italia), l’università di Padova, la university of Barcelona (Spagna), la university of Munich (Germania) e la university of Utrecht (Olanda), nonché sui tecnici e gli esperti dei prestigiosi partner associati al progetto Tread, cioè: Eth Zurich (Svizzera), l’Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale Ogs, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Ingv, l’università di Milano Bicocca, l’Institut de radioprotection et de surete nucleaire Irsn (Francia), l’Institut de physique du globe de Paris Ipgp (Francia), la university d’Aix-Marseille (Francia), la Rurh university Bochum (Germania), Munich Re (Germania), Hzdr (Germania), Ifp energies nouvelles (Francia), Tno (Olanda), Electricite de France Edf (Francia), Willis Limited (Regno Unito) e Tre Altamira srl (Spagna).

“Siamo partiti - spiega il professor Bruno Pace, coordinatore del progetto Tread - dall’aver verificato le complessità inaspettate di recenti eventi sismici distruttivi, da quello del 2012 a Sumatra di magnitudo 8,6 fino al più vicino e recente terremoto del 2016 in centro Italia di magnitudo 6,5, e siamo giunti alla necessità di produrre una nuova generazione di modelli di previsione dei terremoti. È necessario formare scienziati in grado di affrontare le sfide della previsione dei terremoti in contesti tettonici complessi. A questa rigorosa consapevolezza - aggiunge il professor Pace - si unisce l’energia che vien dalla indubbia soddisfazione di aver ideato e avviato a realizzazione un grande progetto, altamente qualificato ed importante che vede la d’Annunzio come guida e punto di riferimento scientifico e didattico a livello europeo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La d'Annunzio guida il grande progetto europeo per formare 11 nuovi esperti di terremoti

ChietiToday è in caricamento