rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Attualità

Chieti si mobilita per l'Ucraina: ecco i punti di raccolta per aiutare la popolazione

La città si tinge di giallo e blu e accende la sinergia per gli aiuti. Il sindaco: “Bisogna promuovere un’azione efficace e tempestiva”

La bandiera della pace sul portone della sede comunale sul corso, il teatro Marrucino che si illumina di blu e giallo in segno di solidarietà e vicinanza alle popolazioni in Ucraina: il Comune di Chieti unisce le sue forze a quelle delle realtà associative che in questi giorni si stanno mobilitando per arrivare in Ucraina con tutto ciò che serve a sostenere la popolazione sotto attacco.

Nel pomeriggio si è tenuta una riunione del sindaco Diego Ferrara con l’assessore alle Politiche Sociali Mara Maretti e i consiglieri Paride Paci, Nunzia Castelli e Alberta Giannini, per fare il punto su aiuti e attività. Erano presenti la Protezione civile, l’associazione Ucraina, Bethel Italia, la Chiesa Ortodossa, Aduc Chieti e Scopri Teate, Kiwanis, Noi del G.B. Vico, Fidapa.

“Siamo a disposizione della prefettura per tutto ciò che riguarderà l’accoglienza di quanti raggiungeranno anche Chieti - spiega il sindaco Diego Ferrara . - A questo circuito indirizzeremo i tanti cittadini che ci stanno chiedendo come offrire ospitalità. Tantissimi sono anche quanti vogliono raccogliere beni utili a chi resta in patria o è al fronte e questo è possibile farlo già attraverso tre canali operativi che nei prossimi giorni invieranno derrate, medicinali e attrezzature in Ucraina, grazie alla rete interna costruita con i contatti sul posto e i cittadini presenti in Italia. Ci sembra una sinergia doverosa che speriamo serva ancora non a lungo, perché la situazione possa arrivare a una soluzione diversa dalla guerra, ma la nostra città, che tante volte ha accolto, non farà mancare il suo apporto in questo momento”.

incontro comune associaz ucraina-2

Di seguito l'elenco dei punti di raccolta per chi volesse donare alimenti e altri beni di prima necessità.

L’associazione Bethel fino a sabato nella sede di via Pescasseroli 12 raccoglierà disinfettanti, bende, ovatta, antidolorifici, siringhe, alimenti secchi, alimenti e prodotti per infanti (no latte, farina, indumenti): la raccolta sarà possibile mercoledì 2 marzo h 12.40 – 14.50 e 15- 18; giovedì dalle 15 alle 18, fino a sabato.

L'emeroteca universitaria (Ingresso Polo Lettere) attraverso l'associazione 360 Gradi verrà utilizzata come ulteriore punto di raccolta di Bethel mercoledì e giovedì, dalle ore 9 alle 19.

Infine, la chiesa ortodossa di Sant’Antonio, in viale Abruzzo 122 a Chieti Scalo, dalle ore 9 alle ore 15 tutti i giorni raccoglierà cibo a lunga conservazione (latte in polvere, riso, caffè, scatolame); medicinali (soprattutto antidolorifici, kit di pronto soccorso, disinfettanti, bende, antipiretici, antibiotici, kit per emergenza); protezioni tattiche per il fronte (ginocchiere, caschi, guanti).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chieti si mobilita per l'Ucraina: ecco i punti di raccolta per aiutare la popolazione

ChietiToday è in caricamento