Coronavirus: "Il tasso di letalità in Abruzzo è in linea con la media nazionale"

La puntualizzazione del referente sanitario regionale per le Emergenze Albani, che spiega come si attesti intorno al 3,2/3,4%

Immagine di archivio

"Il tasso di letalità in Abruzzo è in linea con la media nazionale". È quanto afferma il referente sanitario regionale per le Emergenze, Alberto Albani, in seguito all'allarme diffuso negli ultimi giorni su un presunto tasso di letalità superiore nella nostra regione rispetto al resto d'Italia.

"Affinché i dati siano comparabili - spiega - devono essere messi a confronto gli stessi parametri. In particolare, il tasso di letalità deve essere calcolato dividendo il numero dei decessi per Sars-Cov-2 per le persone contagiate. Le persone decedute per coronavirus, a tutt'oggi, nella regione Abruzzo sono 487, mentre le persone potenzialmente positive, in base ai dati Istat della sieroprevalenza, indicano una popolazione stimata di contagiati pari a 14.000/15.000 unità".

"Il tasso di letalità, quindi, per la regione Abruzzo risulta dal rapporto 487/14.000-15.000 per un valore pari a 3,2-3,4%, in linea con la media nazionale", puntualizza Albani. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Megalò arriva il colosso irlandese Primark

  • L'Abruzzo torna in zona arancione da domenica

  • Focolaio dopo l'uccisione del maiale: a Pizzoferrato salgono a 71 i positivi

  • Esce dal negozio con le scarpe nuove ai piedi, dopo aver messo le vecchie nella scatola: denunciato

  • Allerta meteo della Protezione civile: nevicate fino a quote collinari

  • Colpisce alla testa il fratello che viene ricoverato in prognosi riservata

Torna su
ChietiToday è in caricamento