menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una targa racconta "La Madonna con bambino" all'ospedale Renzetti

Fu donata nel 1959 dall'Istituto di Pediatria dell'università di Bologna in occasione dell'apertura del Centro di recupero per poliomielitici. A Lanciano una pagina di storia riemerge grazie a due ex primari

Memoria, storia e nostalgia nella targa posta accanto alla 'Madonna con bambino' che accoglie gli utenti all'ingresso dell'ospedale di Lanciano.

La Asl 2 ha recepito la richiesta avanzata al direttore sanitario Vincenzo Orsatti da due ex primari del Renzetti, il pediatra Federico Spera e l'anestesista rianimatore Antonio Falconio, di "fare memoria" con un piccolo cartello che raccontasse qualcosa della scultura.

"Una Madonna che non si trova in ospedale per caso - precisa l'azienda sanitaria - si tratta della riproduzione dell'opera di Jacopo della Quercia (1425) posta sulla lunetta del Portale mediano della Basilica di San Petronio a Bologna".

Fu donata nel 1959 dall'Istituto di Pediatria dell'università di Bologna in occasione dell'apertura del Centro di recupero per poliomielitici, unico in Abruzzo e dotato di 120 posti letto, diretto da Spera che ricorda come a quel tempo il Renzetti fosse all'avanguardia per la presenza di grandi nomi alla guida di reparti come l'Urologia, la Neurologia e altri allora presenti solo in grandi città. "Oggi la targa è stata collocata accanto alla statua - informa l'Asl - a ricordo di una storia e di un tempo che i protagonisti custodiscono come si fa con le cose care".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento