Tamponi nel piazzale, Mancinelli: "Situazione d'emergenza per consentire test a studenti e personale scolastico"

Il responsabile del 118 di Chieti, interviene per spiegare i motivi dell’affollamento nel piazzale della postazione dell'ospedale SS. Annunziata

I tamponi nel piazzale del 118 a Colle dell'Ara, con lunghe file all'aperto, sono una soluzione tempoanea dettata dall'emergenza Covid nelle scuole. È quanto chiarisce la Asl Lanciano Vasto Chieti che interviene per spiegare i motivi dell’affollamento nel piazzale della postazione 118 dell'ospedale SS. Annunziata, dopo le lamentele degli ultimi giorni.

"Non c'è un drive in all’ospedale di Chieti, abbiamo agito in urgenza per dare la possibilità di fare i tamponi sul posto agli studenti e personale scolastico della città che ne avevano l’obbligo in quanto contatti di un positivo al Coronavirus" evidenzia il responsabile del 118 di Chieti, Adamo Mancinelli, ribadendo che "si tratta di un'iniziativa adottata in una situazione di emergenza per fare fronte a una necessità e dettata dalla volontà di limitare i disagi per le famiglie e stringere i tempi della diagnosi".

La Asl precisa che tale postazione non resterà stabile, ma legata all'autorizzazione in via eccezionale e temporanea dell'invio degli studenti e degli operatori scolastici di Chieti al 118 dell'ospedale “SS. Annunziata”.

"Siamo impegnati quotidianamente in una corsa contro il tempo, perché per noi è fondamentale identificare e isolare i casi positivi più in fretta possibile, al fine di limitare la diffusione del contagio. A fronte di un caso positivo rilevato in un istituto, la nostra Asl si fa carico dell'esecuzione dei tamponi secondo la modalità che può risultare più agevole e immediata per gli studenti e le loro famiglie, evitando loro di recarsi ai drive in presenti sul territorio" fa presente ancora Mancinelli il quale ricorda che gli operatori non hanno rimandato indietro nessuno.

"Abbiamo ampliato il raggio dei tamponi fino a 1.400 al giorno in provincia di Chieti - dice ancora il responsabile del 118 di Chieti -  gestiti attraverso la piattaforma Sm@rtTest che permette di inviare il risultato, non appena ufficializzato dal laboratorio, alla persona interessata e al suo medico, perché per la Asl è prioritario contrastare la diffusione del contagio attraverso una capillare e intensa attività di test e di tracciamento. Fare presto e accogliere una richiesta che si fa via via più pressante è l’obiettivo di ogni giorno e pensiamo sia il modo più concreto per tutelare la salute delle persone e averne rispetto. Non c'erano cartelli né segnaletica nel nostro piazzale perché non era sede di un servizio strutturato, ma di un'attività temporanea rivolta al mondo della scuola. Quanto all’indicazione dell'orario che invece è stato specificato, è riferito alle modalità di accesso del personale dell'ospedale, da sottoporre a tampone per sorveglianza sanitaria cadenza periodica". 

La Asl fa sapere infine che valuterà l'eventuale attivazione di un’altra postazione drive in. Al momento restano attive, dal lunedì al sabato, quelle di Ortona (dalle ore 8 alle 16), di Atessa (dalle ore 8 alle 14) e di Gissi (dalle ore 8 alle 14). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

  • Coronavirus: 560 nuovi contagi e 12 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

Torna su
ChietiToday è in caricamento