rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
Attualità

"Almeno 10 istituzioni scolastiche in meno in provincia di Chieti con la legge di bilancio", la denuncia della Flc Cgil

Il sindacato Flc Cgil (federazione lavoratori della conoscenza) critica la legge di bilancio 2023 perché prevederebbe ancora tagli per la scuola

«Nella legge di bilancio 2023 per i settori della conoscenza si profila un  atto deludente che conferma le scelte di disinvestimento fatte da tanti anni da governi di tutti i colori, in uno dei settori cardine per lo sviluppo sociale ed economico del Paese».
A denunciarlo è la sigla sindacale Flc Cgil che segnala: «Alla scuola statale, nonostante le tante promesse, sono riservate meno che briciole e si realizzano ancora tagli sia agli istituti che al personale».

Questo quanto spiegano dall'organizzazione sindacale: «Infatti a fronte di misure minimali e parziali, quali 150 milioni di euro da destinare al personale scolastico o il ripristino del taglio di 126 mln di euro per il funzionamento scolastico, per il resto siamo davvero all’anno zero. Il provvedimento che più si pone in continuità con i tagli del passato riguarda l’ennesimo dimensionamento della rete delle scuole: si prevede una nuova ondata di accorpamenti fra istituti che potrà portare alla scomparsa, già nei prossimi due anni, di oltre 700 unità scolastiche abbattendosi soprattutto nelle regioni del Sud. Si riducono così i posti di organico di oltre 1.400 dirigenti scolastici e Dsga (direttore dei servizi generali e amministrativi, ndr). Riduzione destinata ad aumentare inesorabilmente fino all'anno scolastico 2031/2032 quando le autonomie scolastiche passeranno dalle attuali 8.136 a 6.885».

Così proseguono dal sindacato nell'analizzare la situazione: «Per la provincia di Chieti questo significa 10 dirigenze scolastiche e Dsga in meno! Eppure la legge di bilancio 2022 aveva sancito che “Si estende anche agli aa. ss. 2022/23 e 2023/24 la norma che prevede la riduzione da 600 a 500 del numero minimo di alunni per l’assegnazione alla scuola della dirigenza scolastica e del Dsga”(articolo 1, comma 343). Una legge che impegnava alla revisione dei parametri per l’attribuzione della dirigenza scolastica. Peraltro, si tratta di un percorso previsto anche nel Pnrr al punto 3.1, Riforma dell’organizzazione del sistema scolastico, dove si prevede un intervento sulla riduzione del numero degli alunni per classe e sul dimensionamento della rete scolastica. Invece continua la riduzione del numero di istituzioni scolastiche. Ed è poi lungo l’elenco di quello che non c’è: nel ddl manca l’ampliamento del tempo scuola (il tempo pieno alla primaria, il tempo prolungato alla secondaria di primo grado, la didattica laboratoriale della secondaria di secondo grado); manca un rafforzamento del personale Ata che era stato potenziato nel periodo della pandemia e che da tempo  registra una paurosa carenza mai più colmata; manca un impegno serio sulle assunzioni dell’organico di sostegno agli alunni con disabilità. In questo scenario la legge di bilancio non dimentica tuttavia le scuole private che, nonostante coprano il 10% dell'offerta formativa, comunque ricevono un finanziamento di circa 70 milioni di euro. C'è, inoltre,silenzio assoluto sulle risorse del nuovo contratto 2022-2024: si pensa così di proseguire con l’abitudine di stanziare le risorse a triennio scaduto, sicura modalità per indebolire ulteriormente il potere di acquisto del personale del comparto. In questa situazione non possiamo che preannunciare forti azioni di mobilitazione non escludendo nessuno degli strumenti a disposizione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Almeno 10 istituzioni scolastiche in meno in provincia di Chieti con la legge di bilancio", la denuncia della Flc Cgil

ChietiToday è in caricamento