rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Attualità

Entra in vigore il Super Green Pass: cosa cambia per i cittadini

Da oggi 6 dicembre entra in vigore il nuovo decreto governativo delle attività consentite

Da oggi, 6 dicembre, entra in vigore il nuovo decreto che prevede misure più rigide sia per chi non si è vaccinato che per chi è già in possesso del Green pass. 

Il Governo ha pubblicato la tabella delle attività consentite senza green pass, con green pass "base" e  con il "super" green pass fino al 15 gennaio 2022, salvo restrizioni aggiuntive decise dal Comune o dalla Regione di residenza.

In base alle disposizioni nazionali in vigore per il contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19 e alle ordinanze del Ministro della Salute, si applicano le misure previste:

  • per la zona bianca ad Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia Autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto;
  • per la zona gialla al Friuli Venezia Giulia e, da lunedì 6 dicembre, alla Provincia Autonoma di Bolzano.

Super Green Pass, le novità da oggi 6 dicembre

  • Trasporti: È richiesto il green pass base per accedere a aeri, treni, navi e traghetti; autobus e pullman di linea che collegano più di due regioni; autobus e pullman adibiti a servizi di noleggio con conducente, mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionali. Non serve il green pass per utilizzare taxi o ncc. 
  • Studenti: gli scuolabus (per i minori di 12 anni) sono utilizzabili anche senza green pass base. Gli studenti che utilizzano i mezzi di trasporto pubblico dovranno presentare il green pass solo in caso di controllo. Il green pass base è richiesto agli studenti universitari, non è necessario è per entrare a scuola. È necessario il green pass base per accedere alle prove in presenza dei concorsi pubblici.
  • Spostamenti: se un territorio entra in zona arancione ai non vaccinati, per muoversi sarà richiesto il tampone o una autocertificazione che attesti che lo spostamento avviene solo per lavoro, necessità, salute o per servizi non sospesi ma non disponibili nel proprio comune. Sono sempre consentiti gli spostamenti da comuni di massimo 5.000 abitanti, verso altri comuni entro i 30 km, eccetto il capoluogo di provincia
  • Lavoro: per i non vaccinati, per accedere al posto di lavoro è necessario come ora almeno la presentazione di un test rapido negativo (valido 48 ore) o il tampone molecolare (valido 72 ore). Lo stesso vale per le mense. 
  • Esercizi commerciali e pubblici: accesso per tutti agli esercizi commerciali e uffici pubblici. I centri commerciali nel weekend in zona arancione restano aperti solo ai vaccinati (eccetto alimentari, edicole, librerie, farmacie, tabacchi). Nei bar, per consumare al banco non servirà presentare il green pass a meno che la regione non entri in zona arancione: in questo caso è consentita la consumazione al banco solo ai vaccinati. Ai tavoli all'aperto di bar e ristorani è consentita la consumazioni per tutti, anche senza green pass base. Se la regione entra però in zona arancione la consumazione anche all'aperto è consentita ai soli vaccinati. La consumazione al chiuso è consentita ai soli vaccinati anche in zona bianca.
  • Alberghi: è richiesto il green pass base per alloggiare in albergo o strutture ricettive. Nei ristoranti degli hotel invece non sarà richiesto il possesso del green pass rafforzato per mangiare al chiuso. Ë necessario almeno il tampone negativo per entrare in centri termali e centri benessere: in zona arancione restano aperti solo ai vaccinati. Ë necessario almeno il tampone negativo per entrare nei parchi tematici: in zona arancione restano aperti solo ai vaccinati.
  • Ospedali: il green pass base è richiesto per l'accesso dei visitatori a ospedali e Rsa.
  • Attività sportive: sempre consentita all'aperto è necessario presentare il green pass base per accedere agli spogliatoi o ai corsi in palestra o in una piscina. Palestre e piscine (anche all'aperto) invece in zona arancione restano aperte solo ai vaccinati. Sono sempre consentite invece le attività riabilitative. Gli sport di squadra restano sempre consentiti all'aperto mentre sono preclusi ai non vaccinati in zona arancione gli sport di contatto (calcetto ecc). Come in palestra per far sport al chiuso è necessario invece il green pass base. Ë necessario il tampone negativo per utilizzare lo skipass negli impianti dei compresori sciistici a meno che non siano esclusivamente di tipo "esposto all'aria aperta". In zona arancione gli impianti restano aperti solo ai vaccinati. Stadi e palasport sono aperti solo per i vaccinati anche in zona bianca.
  • Musei, cinema e teatri: nessun vincolo per centri culturali, sociali e ricreativi all'aperto, ma è necessario il green pass per entrare al chiuso. In zona arancione restano aperti solo ai vaccinati. Ë necessario almeno il tampone negativo per entrare nei musei che invece chiudono ai non vaccinati in zona arancione. Cinema, teatri e sale da concerto sono aperti solo per i vaccinati anche in zona bianca. 
  • Discoteche e feste: Discoteche solo per i vaccinati anche in zona bianca. Feste pubbliche solo per i vaccinati anche in zona bianca.
    Per partecipare a feste dopo una cerimonia religiosa è necessario almeno il tampone negativo, in zona arancione sono consentite ai soli vaccinati.
  • Sale gioco: è necessario almeno il tampone negativo per entrare in sale giochi e sale scommesse; in zona arancione restano aperti solo ai vaccinati.

Non dovranno esibire il Green pass

  • i bambini sotto i 12 anni (tuttavia chi ritorna dall’estero in Italia, ai bambini con più di 6 anni è richiesto il tampone molecolare o antigenico rapido);
  • gli esenti per motivi di salute dalla vaccinazione;
  • i cittadini che hanno ricevuto il vaccino ReiThera (una o due dosi) nell’ambito della sperimentazione;
  • chi è stato vaccinato con il vaccino Sputnik dalla Repubblica di San Marino e fino al 31 dicembre 2021 

Green pass, controlli e multe: la circolare del Viminale

I controlli saranno rafforzati. Previste multe da 400 a 1.000 euro per chi infrange le regole e per i gestori dei locali che non controlleranno il certificato verde (alla terza sanzione scatta la chiusura del locale per dieci giorni). Al lavoro resteranno attive le multe già previste: sospensione per 5 giorni a chi viene trovato sprovvisto di certificazione verde e sanzioni da 600 a 1.500 euro; sanzione da 400 a 1.000 euro per il datore di lavoro che non effettua i controlli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entra in vigore il Super Green Pass: cosa cambia per i cittadini

ChietiToday è in caricamento