Ritrova i documenti dello zio internato nel campo fascista di Casoli

Afnaim Salomone è stato internato nel casolano tra il settembre 1941 e l’aprile 1942. Si tratta di uno dei 108 “ebrei stranieri”

Al centro a sin. Regina Afnaim, sorella di Salomone, Salomone al centro e a destra la moglie Lea Dana (1930) 

Tra il settembre 1941 e l’aprile 1942 nel campo di concentramento di Casoli c’è anche Afnaim Salomone. Nato a Istanbul in Turchia il 25 marzo 1903 è uno dei 108 “ebrei stranieri” internati nel campo fascista di Casoli.

la cui storia è stata ricostruita minuziosamente nel libro "L’ozio coatto" di Giuseppe Lorentini che è anche il responsabile e curatore del Centro di documentazione on line (www.campocasoli.org) dove sono conservati interamente tutti i fascicoli personali degli internati del campo di concentramento abruzzese. 

Proprio grazie a questo progetto la signora Margherita Dana ha scoperto il fascicolo personale di Afnaim Salomone. "Partendo dai racconti di mio papà - dice la signora Dana - internato con la sua famiglia a Bergen Belsen all’età di 11 anni, cercando di ricostruire la storia di tutti i suoi famigliari, casualmente e con grande stupore ho scoperto il sito 'campocasoli'. Qui ho ritrovato un pezzo di storia appartenente a uno zio di mio padre che fu prigioniero in questo campo dal 1941 al 1942. Le vicende vissute, raccontate e tramandate hanno preso forma grazie alla ricerca accurata dei documenti riportati alla luce e pubblicati da Giuseppe Lorentini che desidero ringraziare di tutto cuore”. 

L’11 aprile 1942 da Chieti arriva l’ordine di disporre che Afnaim Salomone sia trasferito a proprie spese a Taglio di Po, in provincia di Rovigo, dove giunge il 24 aprile 1942. A Taglio di Po Salomone è in internamento “libero”, cioè può abitare in un appartamento e ricongiungersi con i suoi familiari ma non può allontanarsi e ogni giorno deve recarsi dai carabinieri per dichiarare la propria presenza. In quel paesino del Polesine Afnaim Salomone vive con i suoi cari per un anno e mezzo, dall’aprile ’42 al novembre ’43.         

È così che il 30 novembre 1943 fascisti italiani a Taglio di Po arrestano Afnaim Salomone, la moglie Dana Lea, i figli Leone e Vittoria, la madre Ciprut Vittoria e la sorella Afnaim Regina. Tutta la famiglia per 8 mesi vive una dolorosa odissea: prima viene rinchiusa nel carcere di Rovigo; poi deportata nel campo di concentramento di Fossoli (in prov. di Modena); poi trasferita a Verona da dove, il 2 agosto 1944, viene deportata nel campo di concentramento di Bergen Belsen, in Germania, quello nel quale morirono Anne Frank e sua sorella Margot.

Purtroppo anche i due fratelli maggiori di Dana Lea, Isacco e Salomone, furono arrestati a Milano dalla milizia fascista e, insieme alle rispettive famiglie, subirono la deportazione. Isacco, la moglie Rachele e i figli Salvatore ed Ester furono assassinati ad Auschwitz. Salomone con la moglie Malcunna e i figli Mosè, Samuele e Stella arrestati anch’essi a Milano e, deportati a Bergen Belsen, si salvano e vengono liberati il 4 marzo 1945 insieme a Lea e Regina, il cognato Afnaim, i nipoti e la suocera

Il sito di Lorentini – dice il sindaco, Massimo Tiberini – è riuscito a catalizzare su Casoli, non solo l’attenzione della comunità storico scientifica, ma anche quella di un sempre più crescente numero di persone, particolarmente sensibili al tema della Memoria e del ricordo della Shoah.”

Proprio il 26 gennaio 2020 a Casoli in provincia di Chieti è stata inaugurata una mostra storico-documentaria dal titolo "I campi di concentramento fascisti in Abruzzo dal 1940 al 1943". 

“Grazie a questa testimonianza” – aggiunge ancora il sindaco – siamo venuti a sapere che la madre di Sultana Razon, moglie di Umberto Veronesi, è Regina Afnaim, sorella di Salomone che fu internato a Casoli".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Trovato in un fossato senza vita il corpo di Ettore Di Lallo

  • Chieti sceglie il nuovo sindaco, urne aperte fino alle 15. Domenica ha votato il 51,96% - LA DIRETTA

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Incidente sull'asse attrezzato: maxi scontro e un'auto si ribalta e va a fuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento