rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Attualità

Stato di agitazione dei medici dirigenti sanitari, la Cgil chiede un confronto alla direzione Asl Chieti

La Fp Cgil chiede alla direzione della Asl Lanciano Vasto Chieti di elaborare un protocollo strutturato sulle relazioni tra sindacati e Azienda, "nel pieno rispetto dei ruoli e delle competenze"

"Nonostante le reiterate richieste di confronto alla direzione della Asl Lanciano Vasto Chieti riguardo alla negoziazione degli istituti contrattuali normativi ed economici previsti dal CCNL 2019-2021 sottoscritto il 23 gennaio 2024, queste richieste siano state finora ignorate".

La Fp Cgil chiede alla direzione della Asl Lanciano Vasto Chieti di elaborare un protocollo strutturato sulle relazioni tra sindacati e Azienda, nel pieno rispetto dei ruoli e delle competenze. Nel contempo, la Fp Cgil proclama lo stato di agitazione sindacale.

"È spiacevole constatare che, nonostante i solleciti, la Direzione della Asl Lanciano Vasto Chieti continua a sottrarsi ai propri doveri istituzionali, rallentando e differendo la partecipazione dei sindacati alla definizione delle misure che l'Azienda è tenuta ad adottare, e impedendo ai delegati della Rsa di svolgere le proprie funzioni.

Il comportamento dell’Azienda è inaccettabile sotto diversi aspetti. In primo luogo, non è stato definito un cronoprogramma di incontri con la delegazione trattante di parte sindacale, nonostante le numerose richieste. Inoltre, non è stato avviato il confronto aziendale sui regolamenti per la graduazione delle funzioni dirigenziali e per il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi dirigenziali. Il confronto sul nuovo regolamento dell'orario di lavoro non è iniziato e manca la contrattazione integrativa aziendale sui criteri di ripartizione delle risorse disponibili relative ai fondi previsti dagli articoli 72, 73 e 74 del Ccnl 2019-2021. Anche i criteri generali per l'attribuzione ai dirigenti della retribuzione di risultato correlata alla performance organizzativa e individuale non sono stati oggetto di contrattazione. I dirigenti attendono ancora il pagamento del fondo di risultato per gli anni 2022 e 2023, e non è stata avviata la distribuzione del fondo di risultato per il 2024 nei tempi previsti dal Ccnl 2019-2021.

Considerato che non si intende procrastinare ulteriormente il negoziato sulla contrattazione integrativa e sul confronto, confidando nel senso di responsabilità della direzione strategica, si chiede di concordare una calendarizzazione certa, seria e strutturata degli incontri per rendere esigibile la contrattazione sulle materie sopra menzionate. Se ciò non si concretizzasse, si farà ricorso alle procedure previste dalla legge 146/90, come modificata dalla legge n. 83/00 e successive modifiche, in ossequio all’art. 11 del Ccnl 2019-2021, per attivare le clausole di raffreddamento e di conciliazione dinnanzi al competente Prefetto del capoluogo di Provincia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stato di agitazione dei medici dirigenti sanitari, la Cgil chiede un confronto alla direzione Asl Chieti

ChietiToday è in caricamento