Spiagge libere: ombrelloni e attrezzature da mare lasciati dopo il tramonto finiscono nella spazzatura

L'ordinanza del Comune di San Salvo. Le attrezzature rinvenute abbandonate sono equiparate ai rifiuti

Divieto di lasciare in spiaggia ombrelloni e attrezzature da mare come lettini, sdraio e sedie dopo il tramonto: l'ordinanza, in vigore a San Salvo e prevista dalle disposizioni dell’Autorità Marittima, non sempre viene rispettata e l'attrezzatura da mare lasciata incustodita sulla spiaggia libera crea problemi al personale addetto alla pulizia.

Per questo il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca e l’assessore alla Manutenzione Giancarlo Lippis avvertono che "tutte le attrezzature rinvenute abbandonate sulla spiaggia saranno ritirate e considerate al pari dei rifiuti e avviate allo smaltimento presso l’isola ecologica".

“Il divieto di lasciare dopo il tramonto sulla spiaggia libera ombrelloni e attrezzature da mare è una necessità pratica dovendo consentire alle ditte autorizzate di poter effettuare la pulizia con i mezzi meccanici - aggiungono - la legge è uguale per tutti e nessuno deve arrogarsi il diritto ad avere un posto al sole a danno degli altri”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Megalò arriva il colosso irlandese Primark

  • L'Abruzzo torna in zona arancione da domenica

  • Esce dal negozio con le scarpe nuove ai piedi, dopo aver messo le vecchie nella scatola: denunciato

  • Focolaio dopo l'uccisione del maiale: a Pizzoferrato salgono a 71 i positivi

  • Allerta meteo della Protezione civile: nevicate fino a quote collinari

  • "Ti pago 100 euro al mese se mi racconti tutto quello che fa il mio ex”: denunciata

Torna su
ChietiToday è in caricamento