rotate-mobile
Attualità

Il laghetto della villa comunale deve essere svuotato e ripulito, sopralluogo per la tutela di testuggini e pesci rossi [FOTO]

Alle operazioni collaborano i biologi dei carabinieri forestali e del Parco nazionale della Maiella e saranno coinvolte anche le scuole per fare educazione ambientale; una volta terminato l'intervento, sarà stilato un decalogo per i visitatori, affinché comportamenti sbagliati non mettano a rischio gli animali

Sopralluogo operativo, stamane, alla villa comunale degli uffici tecnici comunali e dell’assessore all’Ambiente Chiara Zappalorto per l’intervento di svuotamento e ripulitura delle vasche del laghetto presente nel cuore del parco pubblico. Al sopralluogo hanno preso parte anche i biologi Mirko Di Marzio del reparto Biodiversità dei carabinieri forestali e Marco Carafa del Parco nazionale della Maiella, presenze necessarie per la migliore condivisione delle altrettanto necessarie operazioni di tutela e messa in sicurezza delle testuggini e dei pesci storicamente ospitati dal laghetto.

“Si tratta di un lavoro indispensabile oltre che per l’igiene e il decoro del nostro polmone verde, particolarmente frequentato proprio in quella zona da piccolissimi visitatori, anche per l’ecosistema dello specchio d’acqua che in vista dell’estate richiede una manutenzione straordinaria – spiegano gli assessori Chiara Zappalorto e Stefano Rispoli - Non è un’operazione facile, vista l’imponente presenza soprattutto di tartarughe o, meglio, di testuggini palustri americane, questa l’esatta dicitura della specie, e di pesci rossi che dovranno essere spostati da una vasca all’altra per ripulire le due sezioni dello specchio d’acqua. Grazie alla presenza dei biologi dei carabinieri forestali e del Parco della Maiella e alla piena sinergia di azione subito instaurata con loro, lo faremo insieme e nel rispetto del benessere degli animali, svuotando e pulendo una vasca per volta, trasferendo la fauna di volta in volta".

"Cercheremo di farlo coinvolgendo anche le scuole - aggiungono gli assessori - in modo da far coincidere alle operazioni di manutenzione anche un’attività di educazione ambientale. Non solo, per cercare di preservare sia l’ecosistema e sia i 'residenti' del laghetto, faremo anche sensibilizzazione durante e dopo le operazioni che saranno effettuate nelle prossime settimane. Le esotiche testuggini sono proliferate a dismisura in questi anni, a causa del processo naturale della riproduzione, visto che vivono in modo promiscuo, ma anche perché sono aumentati anche i casi di abbandono di nuovi esemplari da parte di privati cittadini e avventori. Nonostante la presenza pacifica, va chiarito che si tratta di specie non autoctone e spesso infestanti, tant’è che la Regione Abruzzo ha messo in atto un progetto gestito dal Parco regionale del Sirente-Velino con la supervisione tecnico-scientifica del Parco Maiella, per intervenire in caso di sovrannumero, com’è accaduto in alcuni bacini aquilani, sia in caso di tutela, cioè quando non si è più in grado di ospitare in casa un esemplare simile. Contattando il Parco Maiella, viene individuata una nuova destinazione nei centri di raccolta che consentono alle testuggini di continuare a vivere al meglio".

"Una volta definite le operazioni di pulizia e sempre in sinergia con i biologi - puntualizzano Zappalorto e Rispoli - attiveremo anche una sorta di decalogo per i visitatori, affinché non venga dato loro cibo, visto che nel luogo in cui si trovano c’è tutto ciò che serve alla loro naturale sopravvivenza e che le condizioni delle acque peggiorano se i visitatori gettano nel laghetto pane e altri bocconi, alimenti tra l'altro spesso nocivi per quegli animali, e visto che sia i pesci che le testuggini sono perfettamente in grado di procurarsi da soli il necessario per la sopravvivenza nel laghetto”.

Sopralluogo alla villa comunale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il laghetto della villa comunale deve essere svuotato e ripulito, sopralluogo per la tutela di testuggini e pesci rossi [FOTO]

ChietiToday è in caricamento