rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità Vasto

Riapre il drive in a Vasto, per Schael i tamponi non bastano e invita a vaccinarsi: "San Salvo è il Comune meno vaccinato della provincia"

Aperto tre volte a settimana. Il dg: "Resta la criticità della sottovaccinazione che ancora registriamo su quest’area". I dati del Dipartimento prevenzione: 13 ricoverati a Chieti e 8 a Vasto in Malattie Infettive, 3 sono in terapia intensiva (uno a Chieti e 2 in altri ospedali)

Riaperto il drive in per effettuare i tamponi a Vasto: la postazione è stata riattivata questa mattina in via don Milani dove, per l'occasione, c'erano il direttore generale della Asl, Schael, il sindaco Francesco Menna e il consigliere Francesco Prospero a far visita agli operatori del 118 chiamati a eseguire i tamponi.

La postazione sarà attiva nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 13.30, ma la Asl si è già detta pronta a estendere gli orari in caso di aumento delle richieste e dei casi di positività in città e nei Comuni limitrofi.

Drive in via don Milani

"In tempi rapidissimi ci siamo attrezzati per non lasciare scoperto un territorio ampio - ha detto il direttore generale dell'Azienda Sanitaria-. Anche alla luce della situazione pandemica, che a Vasto nei giorni scorsi aveva destato preoccupazioni, si è reso necessario disporre di un servizio che ci permetta di identificare nuovi contagi con tempestività al fine di poterne arrestare la diffusione".

Per Schael, però, fare il monitoraggio con i tamponi non basta e rinnova l'invito alla vaccinazione. "Resta la criticità della sottovaccinazione che ancora registriamo su quest'area - ammette - sulla quale abbiamo il dovere di intervenire: serve un'azione di sensibilizzazione forte e condivisa, rilanciata anche dal Comune e dal volontariato che in tutti questi mesi sono stati per noi partner importanti. Ogni occasione deve essere buona per ricordare alle persone che il vaccino protegge sì dal contagio ma soprattutto dalla malattia grave, e mi rivolgo non solo a Vasto ma all'intero comprensorio, con un riferimento esplicito a San Salvo, il Comune meno vaccinato della provincia, con un modesto 71% di adesioni, seguito da Cupello al 73%, e Monteodorisio al 74%, a fronte di tutti gli altri Comuni che hanno toccato e superato l'obiettivo dell'80% fissato dal commissario Figliuolo".

"Nonostante siano in aumento i positivi - ha ricordato Giuseppe Torzi, direttore del DIpartimento Prevenzione della Asl - abbiamo 13 ricoverati a Chieti e 8 a Vasto in Malattie Infettive, mentre 3 sono in terapia intensiva , 1 a Chieti e 2 in altri ospedali. Sono numeri piccoli, che dimostrano con chiarezza l'efficacia della copertura vaccinale. Perciò eventuali paure devono riguardare il virus, non il vaccino".

Con l'occasione la Asl ricorda che il centro vaccinale di Vasto sarà aperto prossima settimana lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle 13.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapre il drive in a Vasto, per Schael i tamponi non bastano e invita a vaccinarsi: "San Salvo è il Comune meno vaccinato della provincia"

ChietiToday è in caricamento