Zona rossa dal 18 novembre: ecco le scuole dove la didattica continuerà in presenza

Come in precedenza, alle scuole superiori saranno garantite le attività in presenza per gli alunni disabili e i laboratori. Didattica in presenza anche all'infanzia, primaria e nelle prime medie

Con l’ingresso dell’Abruzzo in zona rossa, da mercoledì 18 novembre scatta la didattica a distanza in anche per le classi seconde e terze  medie, che si aggiungono alle lezioni online già avviate per le scuole secondarie di II grado (superiori).

La didattica in presenza continua a essere prevista invece per tutti gli alunni della scuola dell'infanzia, della scuola primaria, dei servizi educativi per l'infanzia (articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65) e della prima media.

Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l'uso di laboratori e continua a essere prevista anche alle superiori la didattica in presenza a vantaggio degli alunni a vario titolo portatori di disabilità e con bisogni educativi speciali garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

  • Sempre più frequenti i lupi in città, il veterinario: "Nessun pericolo per l'uomo, attenti agli animali domestici"

  • L'Abruzzo resta in zona rossa: proroga di una settimana, ma Marsilio spinge per misure meno restrittive

Torna su
ChietiToday è in caricamento