rotate-mobile
Attualità Lanciano

"Situazione drammatica della sanità abruzzese: la Regione cambi i vertici di Asl e assessorato"

Verna (Azione) pungola il governatore Marsilio: "In tutti i principali ospedali si registrano carenza di personale e macchinari obsoleti che generano liste di attesa infinite e mobilità passiva"

“Il presidente della Regione Marco Marsilio non sarà certo ricordato come il salvatore della sanità abruzzese, visti i pessimi risultati di questi anni in ogni settore e in ogni territorio. Potrebbe però essere ricordato almeno come quello che ci ha provato, se solo avesse il coraggio di tentare una disperata inversione di rotta azzerando i vertici delle Asl Lanciano-Vasto-Chieti e, magari, cambiando l'assessore alla Sanità”. Ci va giù duro il consigliere comunale di Lanciano e membro del direttivo provinciale di Azione, Giacinto Verna, richiamando il governo regionale a un intervento forte per far cambiare rotta a una sanità pubblica alla deriva.

La situazione sta precipitando in tutti i principali presidi della nostra Asl, a partire dagli ospedali di Lanciano, Vasto e Chieti”, sostiene Verna, “basta avere a che fare con visite ed esami, o confrontarsi con gli operatori sanitari per vedere in tutta la sua drammaticità una situazione fatta di carenza di personale e posti letto, nonché di macchinari obsoleti eternamente in panne che generano liste di attesa infinite e accrescono la mobilità passiva. Tra gli esempi più eclatanti c'è il pronto soccorso di Lanciano, su cui si è puntato tutto per fare numeri/accessi, ma dove oggi il poco personale è stremato e i pazienti aspettano ore, magari per vedersi poi dirottati in altri reparti dove pure mancano macchinari e personale”.

Il consigliere Giacinto Verna (Azione)-2

“In questi anni i cittadini chiedevano risultati: in materia di salute quelli conseguiti dall'assessore Nicoletta Verì e dal direttore generale Thomas Schael sono tutti negativi”, non usa mezzi termini l'esponente di Azione, “non è solo quello che percepisono gli utenti, ma ciò che pensano anche pezzi importanti della maggioranza in Regione, che ne contestano lavoro e capacità programmatoria. Basta perciò arrampicarsi sugli specchi, tirando fuori di tanto in tanto statistiche di comodo o qualche numero di convenienza. Gli ospedali abruzzesi hanno bisogno di macchinari e personale per tagliare drasticamente tempi di intervento e liste di attesa, aumentati a dismisura sia per un intervento delicato sia per una banale visita di controllo: è con questo che facciamo amaramente i conti ogni giorno noi che ci rivolgiamo alla sanità pubblica, ed è su questi punti che chi gestisce la nostra sanità è indifendibile”.

L'ultimo incontro di Schael con i primari dell'ospedale di Lanciano è solo l'ennesima puntata della farsa che si ripete da quasi tre anni”, sottolinea Verna, “il manager rincorre le situazioni e mette le pezze ad abiti già sdruciti, non programma, non investe in attrezzature e in medici e sanitari, salvo fare proclami e incontri quando i buoi sono già scappati. Delle due l'una: o chi gestisce la sanità abruzzese non è in grado di farlo, oppure 'programma' il depotenziamento per arrivare alle chiusure. In entrambi i casi gli abruzzesi non meritano di assistere ancora al crollo verticale del livello dell'assistenza sanitaria. Marsilio si metta una mano sulla coscienza, e faccia qualcosa per evitare che negli ultimi anni del suo mandato continui questo scempio, con tutte le conseguenze drammatiche che comporta per la nostra vita quotidiana”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Situazione drammatica della sanità abruzzese: la Regione cambi i vertici di Asl e assessorato"

ChietiToday è in caricamento