rotate-mobile
Attualità San Vito Chietino

A San Vito duemila residenti rischiano di restare senza medico di base

Lo segnala il sindaco, al lavoro con la Asl per scongiurare tale rischio: dal 1° maggio andranno in pensione due dottori

A San Vito Chietino circa duemila residenti rischiano di restare senza medico di base dal prossimo 1° maggio, quando andranno in pensione i dottori Nardone e Radoccia.

A lanciare l’allarme è l’amministrazione comunale del sindaco Emiliano Bozzelli dopo le numerose segnalazioni da parte di cittadini e all'interessamento dei medici del territorio.

“Un problema nuovo e senza precedenti – spiegano -  perché da circa 2.000 sanvitesi rischiano di perdere quel fondamentale presidio medico di prossimità che sono i medici di base, dal momento che, per la scelta del medico di medicina generale, la Asl non fa più riferimento ai territori comunali ma a quelli di ambito socio-sanitario". Il sindaco e l'amministrazione comunale si sono attivati per evitare questo rischio, con la richiesta alla Asl di valutare ogni possibile soluzione alternativa, come per esempio la nomina di un medico d'urgenza per un periodo transitorio.

L’auspicio è che “l'amministrazione sanitaria saprà tenere nella dovuta considerazione le richieste e le legittime aspettative di una notevolissima parte della nostra cittadinanza”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A San Vito duemila residenti rischiano di restare senza medico di base

ChietiToday è in caricamento