menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A San Giovanni Teatino un flash mob per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

Evento conclusivo del progetto "Ho diritto di essere tutelata". Gli alunni delle classi che vi hanno partecipato e i loro insegnanti indosseranno una maglietta con lo slogan che loro stessi hanno elaborato

San Giovanni Teatino celebra con un flash mob, martedì 20 novembre , la Giornata internazionale dei Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza ed il 29° anniversario dell’applicazione della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia.

L'iniziativa è organizzata dall'assessorato alla Pubblica istruzione, in collaborazione con FIDAPA - BPW Italy (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari - Business and Professional Women), martedì, dalle ore 10, in piazza San Rocco. Il flash mob sarà l'evento conclusivo del progetto "Ho diritto di essere tutelata". Gli alunni delle classi che vi hanno partecipato e i loro insegnanti indosseranno una maglietta con lo slogan che loro stessi hanno elaborato.

Commenta il sindaco Luciano Marinucci: 

Essere un bambino, crescere in libertà ed essere rispettato, sono principi imprescindibili per una società che si definisce civile e li vogliamo riaffermare nella nostra comunità. Noi 'grandi' dobbiamo farci garanti, con i nostri comportamenti e le nostre istituzioni, del diritto dei bambini e degli adolescenti,  alla salute, a ricevere cure speciali, ad avere una famiglia e a una buona educazione, ad essere  protetti ed accuditi e a non essere abbandonati, maltrattati o discriminati. Purtroppo non è sempre così, ma il dovere di noi amministratori è scuotere le coscienze e indirizzarle verso questi obiettivi. 

Spiega l'assessore alla pubblica istruzione Simona Cinosi:

Il progetto ha previsto la lettura della 'Nuova carta dei diritti della bambina' e approfondimenti e ricerche sull'articolo 2, più in particolare per sensibilizzare le bambine ad imparare e ad essere padrone di se stesse. Scopo del progetto è stato di promuovere la parità sostanziale fra i sessi e la valorizzazione delle differenze fra bambine e bambini.

Nonostante vi sia un generale consenso sull'importanza dei diritti dei più piccoli , ancora oggi molti bambini e adolescenti, anche in Italia, sono vittime di violenze o abusi, discriminati, emarginati o vivono in condizioni di grave trascuratezza. Con questo flash mob, vogliamo contribuire alla  
costruzione di una comunità culturalmente attenta al bambino, rispettosa della sua dignità e dei suoi diritti.


Il 20 novembre 1989 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approvò la Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia. Oggi, oltre 190 Paesi nel mondo  hanno ratificato la Convenzione. In Italia la sua ratifica

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento