Attualità Fossacesia

Carenza idrica, la Sasi convoca l'assemblea dei sindaci dopo la richiesta di Di Giuseppantonio

Il primo cittadino aveva sollecitato un incontro per discutere della mancanza di acqua che ha creato enormi disagi in tutti i territorio interessati

Si svolgerà martedì (7 settembre), alle ore 10, nella Sorgente Verde di Fara San Martino, in via San Pietro, l’assemblea dei 92 sindaci dell’ex Ato n. 6.

A convocare la riunione, il presidente della Sasi (Società per il servizio idrico), Gianfranco Basterebbe, sollecitato alcuni giorni fa a tenere l’incontro dal primo cittadino di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio. A Fara San Martino sono attesi Nunzio Merolli, presidente dell’Ente regionale per il servizio idrico integrato e il direttore dell’Ersi. “Ho richiesto la convocazione dell'assemblea dei sindaci aderenti alla Sasi per un confronto sulla critica situazione idrica che ha caratterizzato l’ultima stagione estiva", spiega Di Giuseppantonio.

"Sono grato al presidente Basterebbe per averla accolta e accettato un confronto con tutti noi sindaci. Da mesi - aggiunge - la mia città e tanti altri comuni subiscono interruzioni nell'erogazione d'acqua e questo ha rappresentato e continua ad essere un grosso problema per tutti. A causa del razionamento del servizio, ci siamo trovati a dover far fronte ad una vera e propria situazione emergenziale, che ha colpito cittadini, le numerose aziende che operano nel nostro territorio e soprattutto gli operatori turistici. Un quadro che ha avuto pesanti ripercussioni sull’economia. Il presidente Basterebbe ha accolto la mia richiesta e il prossimo 7 settembre avremo l’opportunità tutti insieme di affrontare in ogni suo aspetto il problema. Quello dell'approvvigionamento idrico - conclude Di Giuseppantonio, che è anche vice presidente del consiglio nazionale Anci - è divenuta una questione tra le più urgenti da affrontare e risolvere. E fuor di dubbio che occorrono finanziamenti per sostituire una rete obsoleta, soggetta spesso a rotture, che determinano interruzioni di un bene pubblico come l’acqua. È indispensabile a questo punto agire unitariamente, senza inutili polemiche ma con proposte condivise, serie e concrete, per dar maggior forza alle nostre richieste da avanzare a Governo e Regione Abruzzo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza idrica, la Sasi convoca l'assemblea dei sindaci dopo la richiesta di Di Giuseppantonio

ChietiToday è in caricamento