Ritrovamenti archeologici in piazza San Giustino: cittadini lanciano petizione per la salvaguardia

Sul sito Change.org sono oltre un centinaio le firme per chiedere al Comune di salvaguardare e valorizzare i resti archeologici

Ha già superato il traguardo delle 100 firme la petizione lanciata sulla piattforma online Change.org, per chiedere al Comune di Chieti di salvaguardare e valorizzare i resti archeologici ritrovati in piazza San Giustino durante i lavori di riqualificazione della piazza.

L’appello lanciato da un gruppo di cittadini teatini chiede alle autorità comunali di modificare il progetto di riqualificazione della piazza tenendo conto degli antichi reperti archeologici rinvenuti. 

Il timore dei promotori dell’appello pubblico è infatti quella che i reperti possano essere sotterrati per permettere il prosieguo della riqualificazione urbana o che possano essere spostati dall’attuale contesto urbano per essere destinati altrove.

Nel testo dell'appello si sottolinea come:

"Dopo di decenni di declino, di spopolamento e depressione economica Chieti ha finalmente un'altra occasione per rinascere, per farsi conoscere e per aprirsi al turismo offrendo anche i numerosi altri tesori che possiede ma che soltanto pochi conoscono.I cittadini di Chieti che sottoscrivono la presente petizione vogliono che il progetto attuale sia modificato per tenere conto dei reperti archeologici scoperti e ancora da scoprire, che dovranno essere valorizzati nel nuovo contesto urbano di riqualificazione della piazza". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Megalò arriva il colosso irlandese Primark

  • L'Abruzzo torna in zona arancione da domenica

  • Esce dal negozio con le scarpe nuove ai piedi, dopo aver messo le vecchie nella scatola: denunciato

  • Focolaio dopo l'uccisione del maiale: a Pizzoferrato salgono a 71 i positivi

  • Allerta meteo della Protezione civile: nevicate fino a quote collinari

  • "Ti pago 100 euro al mese se mi racconti tutto quello che fa il mio ex”: denunciata

Torna su
ChietiToday è in caricamento