È ufficiale: metà degli studenti abruzzesi delle scuole superiori torna in classe lunedì

L'Abruzzo è una delle tre regioni italiane che ha scelto di non posticipare la riapertura degli istituti

È ufficiale: metà degli studenti abruzzesi delle scuole superiori tornerà in classe lunedì (11 gennaio). L'Abruzzo è una delle tre regioni in Italia che ha optato per questa scelta, mentre in 14 hanno deciso di prolungare l'attesa per la prima campanella del 2021. 

La precisazione arriva dall'assessore regionale all'Istruzione Pietro Quaresimale, alla luce anche delle ultime decisioni adottate dalle altre regioni. Solo poche ore fa, la Cisl Scuola Abruzzo Molise aveva spinto per ritardare la riapertura delle superiori.

“Abbiamo deciso di riattivare al 50% l’attività didattica in presenza così come previsto dal Governo – spiega l’assessore – perché le condizioni del contagio in Abruzzo sono con un indice Rt al di sotto della media nazionale. D’altra parte, da lunedì, come deciso dal Governo, l’Abruzzo torna in zona gialla, con bar e ristoranti aperti e quindi ci è sembrato opportuno la riapertura degli istituti scolastici superiori con uno sforzo organizzativo particolare da parte delle strutture regionali che si occupano del trasporto e della mobilità studentesca".

"In questo senso – prosegue Quaresimale – è stata incrementata la frequenza degli autobus sulle linee maggiormente frequentate dagli studenti con il conseguente aumento del numero di mezzi in circolazione. Abbiamo fissato con le prefetture i piani di trasporto in relazione anche allo scaglionamento del rientro a scuola, rivolgendo un’attenzione particolare alle aree ad alta intensità di frequenza”.

Un ruolo importante è svolto in queste ore dall'Ufficio scolastico regionale e dagli istituti, che si stanno impegnando affinché tutto proceda per il meglio per il rientro a scuola dopo due mesi.

"Gran parte degli istituti superiori - dice l'assessore - ha fissato lo scaglionamento orario dei rientri, con una alta flessibilità sia sulla durata dell’ora scolastica sia sul numero degli studenti ammessi in presenza sia anche sulla scelta dei giorni della settimana. Lunedì vigileremo e controlleremo ma l’importante è ripartire in sicurezza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Megalò arriva il colosso irlandese Primark

  • L'Abruzzo torna in zona arancione da domenica

  • Esce dal negozio con le scarpe nuove ai piedi, dopo aver messo le vecchie nella scatola: denunciato

  • Focolaio dopo l'uccisione del maiale: a Pizzoferrato salgono a 71 i positivi

  • Allerta meteo della Protezione civile: nevicate fino a quote collinari

  • "Ti pago 100 euro al mese se mi racconti tutto quello che fa il mio ex”: denunciata

Torna su
ChietiToday è in caricamento