menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Reumatologia pediatrica di Chieti: libri, giochi e attrezzature mediche a sostegno dei bambini

I due programmi di aiuto sono a cura della Libreria Giunti del centro commerciale Megalò e della scuola d'infanzia di Casalincontrada

Fornire libri, giochi e attrezzature mediche per il Centro regionale di reumatologia pediatrica di Chieti. Questo l'obiettivo dei due progetti a sostegno del reparto che cura i bambini con patologie croniche.

I due programmi di aiuto si chiamano "Aiutaci a crescere, regalaci un libro!", a cura della Libreria Giunti al Punto del centro commerciale Megalò, e "Gentilezza", a cura della scuola d'infanzia Velemiro Di Toro Mammarella, di Casalincontrada, diretta dalla preside dell'Istituto comprensivo Fara Filiorum Petri, Ivana Marroncelli.

In questo modo i pazienti del centro, in attesa di sottoporsi a viste ed esami, possono dedicarsi alla lettura di fiabe, libri illustrati e racconti in un ambiente accogliente, colorato, e pieno di giochi. Nato agli inizi degli anni Novanta, il Centro regionale reumatologia pediatrica diretto da Luciana Breda è diventato una delle principali strutture del Centro e Sud per la cura dell'artrite idiopatica giovanile e di altre patologie dell'infanzia. 

“La lettura, oltre ai risvolti positivi sullo sviluppo cognitivo, sull’immaginazione e la fantasia, regala ai bambini momenti di svago e serenità, nonostante la malattia – spiega la dottoressa Luciana Breda - nel corso degli anni il Centro ha accolto e seguito oltre 3mila bambini provenienti da molte regioni italiane, alcuni molto piccoli e li ha sostenuti e curati con estrema professionalità, grazie all’impegno dello staff medico e infermieristico e all’esperienza maturata con importanti collaborazioni a livello nazionale e internazionale. Un impegno condiviso con l’associazione Arara - Associazione Ragazzi con Affezioni Reumatologiche d'Abruzzo – che ha contribuito significativamente alla realizzazione di un reparto di eccellenza, dotato di strutture e strumenti ospedalieri all’avanguardia e indispensabili per la cura di malattie così complesse, ottenuti grazie al generoso contributo di importanti mecenati e aziende e alle donazioni di tante famiglie che,  trovando speranza e conforto alla sofferenza dei propri bambini, hanno scelto di sostenere il progetto di solidarietà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento