Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità

La Regione Abruzzo autorizza la raccolta del legname nei pressi dei corsi d'acqua, come fare richiesta

Ad annunciarlo è l’assessore regionale ai Lavori pubblici, Infrastrutture e Trasporti, Umberto D’Annuntiis

Privati cittadini, imprese, associazioni ed enti pubblici, possono effettuare la raccolta di legna presente a terra, cioè piante divelte, tronchi e ramaglie, al solo fine dell’autoconsumo, per una lunghezza massima del tratto di 1 km, per un limite massimo di 50 quintali e per un periodo massimo di 60 giorni.
Ciò riguarda le aree appartenenti al demanio fluviale dello Stato, non di proprietà privata, nei corsi d’acqua di competenza della Regione Abruzzo, presentando apposita istanza corredata da marche da bollo e spese di istruttoria.

«A chi ne farà richiesta», spiega l’assessore  ai Lavori pubblici, Infrastrutture e Trasporti, Umberto D’Annuntiis, «sarà possibile approvvigionarsi di legna per l’auto consumo, con un contributo economico minimo, svolgendo contemporaneamente un servizio per la collettività, visto che in prossimità delle sponde fluviali vi è la presenza di materiale legnoso utile per la produzione di energia, proveniente dai naturali processi di ricambio stagionale e che viene trasportato dalle piene, la cui raccolta permette di contribuire alla mitigazione dei fenomeni di esondazione».

«La modalità di presentazione della richiesta», continua l’assessore, «è stata disciplinata dalla delibera di giunta regionale numero 19 del 18 gennaio 2024, inerente ‘l’Approvazione direttiva raccolta legname presente sulle sponde e sugli argini dei corsi d’acqua di competenza regionale’, che stabilisce come l’istanza debba essere presentata tramite Pec, unitamente a una planimetria catastale con l’esatta ubicazione della zona corredata di fotografie dello stato di fatto e da copia di un documento di riconoscimento in corso di validità, marche da bollo e spese di istruttoria, ai servizi dei Geni Civili e per conoscenza ai carabinieri forestali territorialmente competenti. Al fine di semplificare la presentazione dell’istanza gli uffici dei Geni Civili hanno predisposto un apposito modello, completo di dichiarazioni, con l’elenco della documentazione e dei versamenti da effettuare».

umberto d'annuntiis 1200

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione Abruzzo autorizza la raccolta del legname nei pressi dei corsi d'acqua, come fare richiesta
ChietiToday è in caricamento