Quarantena obbligatoria dopo l'arresto nel carcere di Vasto: scatta lo stato di agitazione della polizia penitenziaria

Gli arrestati di tutta la regione trascorreranno 14 giorni obbligatori a Torre Sinello per evitare il rischio di diffusione del Coronavirus

Tutte le persone che verranno arrestate in Abruzzo, saranno portate nella casa lavoro di Torre Sinello, a Vasto, per i 14 giorni di quarantena necessari a evitare il rischio Covid. 

La decisione, presa dall'amministrazione del carcere, ha subito scatenato la protesta dei sindacati di polizia Sappe, Uil, Cnpp, Osapp, Cgil e Cisl, che hanno proclamato lo stato di agitazione.

Non solo perché, come già denunciato più volte in passato, il carcere di Vasto subisce la cronica carenza di personale, pari al 30%. Ma anche perché, in caso di positività di una delle persone arrestate, senza gli adeguati dispositivi di protezione per gli agenti, mettendo a rischio la salute loro e delle loro famiglie.

Intanto questa mattina a Torre Sinello è arrivata una delegazione della Lega, guidata dalla consigliera regionale Sabrina Bocchino.

"La Lega - ha detto - appoggia le rimostranze del cartello sindacale unitario a tutela degli agenti penitenziari che dovranno essere dotati di tutti i necessari dispositivi di sicurezza, anche perché ho avuto modo di constatare che il trasferimento dei detenuti è già iniziato e si necessita di un protocollo sanitario che ponga rimedio, per esempio, all’uso delle docce in comune con i detenuti che non sono sotto osservazione per rischio pandemico".

Il personale del carcere di Vasto, come ricorda anche la consigliera, sono obbligati a 40 ore di straordinario al mese per coprire la carenza di organico e a breve perderà ulteriori 3 unità, costringendo a rivedere il piano ferie. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Vasto - incalza Bocchino - non può diventare il ricettacolo d’Abruzzo, per questo chiedo al sindaco di interfacciarsi al più presto con il ministro Bonafede per cercare una soluzione: la nostra città merita ben altro. Alle forze dell'ordine ,in particolare agli agenti della polizia penitenziaria, e al personale sanitario va la solidarietà della Lega", conclude la consigliera della Lega.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: altri 37 nuovi positivi, 11 nel Chietino

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • Coronavirus: oggi in Abruzzo 11 nuovi casi, 3 persone in terapia intensiva

  • Fabrizio Di Stefano a Matteo Salvini: "Troverai una Chieti cambiata e che riparte"

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento