rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità

Sabato sera di passione con i rubinetti a secco, Ginefra (Chieti c'è) chiede di prorogare il contributo per l'acquisto di autoclave

Proteste e disagi in città per la chiusura idrica disposta dall'Aca in un fine settimana di eventi; l'acqua è mancata in anticipo e tornata più tardi degli orari comunicati dalla società

Rubinetti lasciati a secco prima dell'orario comunicato dall'Aca e acqua che, all'alba di stamani, ha tardato a tornare nelle case. È stato un sabato notte di disagi quello registrato in gran parte della città di Chieti, con una chiusura idrica programmata che ha lasciato l'amaro in bocca a tantissimi. 

Non solo, come detto, per gli orari ballerini, stando a numerose testimonianze dei cittadini, ma anche perché la serata di ieri era una circostanza importante per il centro città, fra gli eventi del Confarte festival e l'afflusso di presenze fra corso Marrucino e dintorni. Inevitabili i disagi per i titolari dei locali, pronti ad accogliere i clienti delle grandi occasioni, ma che si sono trovati ad affrontare e risolvere i problemi della mancanza di acqua. 

Un disagio cronico iniziato quest'anno ben prima dell'estate che, nonostante iniziative eclatanti, proteste, consigli straordinari, rassicurazioni, non si è ancora riusciti a risolvere ormai da ben più di un decennio. 

Anche oggi, in tanti chiedono al Comune di intervenire affinché si trovi una soluzione a un problema diventato triste consuetudine in diversi quartieri della città, come lo Scalo, che da tempo, durante la notte, resta senza acqua potabile in casa.

Leggi le notizie di ChietiToday su Whatsapp

Intanto, il presidente della commissione comunale Lavori pubblici, Vincenzo Ginefra, comunica che chiederà al sindaco Diego Ferrara "di intervenire sulla Regione Abruzzo per prorogare i tempi per la presentazione delle domande per l’ottenimento dei cittadini di Chieti dei contributi regionali a fondo perduto per l’acquisto di impianti autoclave per abitazioni civili".

“Ricordo - spiega - che è stato pubblicato, sul sito Ersi Abruzzo, un avviso per l’erogazione di contributi a fondo perduto destinati all’acquisto e all’installazione di impianti autoclave a servizio di edifici destinati a civile abitazione ubicati nel territorio regionale e costituiti da più piani oltre al primo. Il contributo è concesso per immobili catastalmente censiti nei territori dei comuni della regione Abruzzo".

L'avviso è scaduto lo scorso 15 aprile, ma, incalza Ginefra, "sarebbe auspicabile ottenere una proroga per i seguenti soggetti: persone fisiche proprietarie di abitazioni singole ricomprese in edifici non condominiali, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa; condomìni; Comuni e Ater per gli interventi sugli immobili adibiti a edilizia residenziale pubblica di rispettiva proprietà".

Nel dettaglio, Ersi riconosce un contributo non inferiore a 250 euro e non superiore a 1.500 per ciascuno edificio: 250 è la quota prevista per edifici costituiti da una singola unità immobiliare fino a tre piani; 500 euro per edifici costituiti da una singola unità immobiliare superiore a tre piani; 1.000 euro per edifici costituiti da massimo 4 unità immobiliari; 1.500 euro per edifici costituiti da oltre quattro unità immobiliari.

Il calendario delle chiusure idriche della settimana

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sabato sera di passione con i rubinetti a secco, Ginefra (Chieti c'è) chiede di prorogare il contributo per l'acquisto di autoclave

ChietiToday è in caricamento