rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità Chieti Scalo / Piazzale Guglielmo Marconi

Raddoppio ferrovia, il fronte del no scende per la prima volta in piazza contro il progetto [FOTO]

Un centinaio i manifestanti che si sono radunati in piazzale Marconi nella manifestazione organizzata da tutti i comitati cittadini nati negli ultimi mesi

Un centinaio di persone, arrivate anche da fuori Chieti, per dire no alla ferrovia. È andata in scena nel tardo pomeriggio di ieri, in piazzale Marconi, la prima manifestazione di protesta contro il progetto di raddoppio della ferrovia per l'alta velocità Pescara-Roma. 

Per la prima volta, il fronte del no si è compattato, coinvolgendo tutti i comitati nati negli ultimi mesi: Comferr, FerroVia Chieti Scalo, No variante Mulino, No ferrovia sì strada verde di San Giovanni Teatino e il comitato cittadino di Alanno. 

A dare man forte alla protesta anche i sindaci di Chieti, San Giovanni Teatino e Manoppello, Diego Ferrara, Giorgio Di Clemente e Giorgio De Luca, anch'essi da tempo impegnati per cercare di favorire una variante al progetto, e la deputata del Movimento 5 stelle Daniela Torto.

Nonostante le speranze delle prime fasi del confronto pubblico, però, questa opzione sembra stia per sfumare: Rfi ha addotto come motivazione costi un innalzamento eccessivo dei costi.

E proprio per questo i comitati sono scesi in piazza: si sentono presi in giro e continuano a chiedere di scongiurare la demolizione delle case nel tratto interessato dal tracciato ferroviario.

Protesta dei comitati contro il raddoppio della ferrovia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raddoppio ferrovia, il fronte del no scende per la prima volta in piazza contro il progetto [FOTO]

ChietiToday è in caricamento