rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità

Dopo la protesta degli agricoltori arriva la replica del Consorzio di bonifica: "Mai negata disponibilità a un incontro"

Ai consorziati viene ribadita la propria disponibilità a un incontro in presenza: "L'invito è a sanare le proprie posizioni debitorie così come previsto dalla legge in materia e a creare, attraverso un confronto costruttivo e non di mera critica, i presupposti per trovare soluzioni migliorative"

Dopo la manifestazione degli agricoltori di lunedì mattina a Chieti Scalo arriva la replica del Consorzio al comitato bonifica sostenibile che spiega: "Pur rispettando il diritto alla protesta ed alla manifestazione di una cinquantina di consorziati e una quindicina di macchine agricole che ieri hanno sfilato pacificamente, sarebbe stato molto più utile un confronto costruttivo per la risoluzione delle questioni sollevate", ribadendo che nelle settimane passate il commissario aveva dato  "la propria disponibilità ad un incontro in presenza, con la speranza di affrontare tecnicamente i rilievi del comitato, nella certezza che gli slogan e la non chiarezza sulla condizione dell’ente risolvano davvero poco.

I vertici del Consorzio, dicono di  comprendere le esigenze dei consorziati, ma allo stesso tempo precisano che, per quanto attiene il raggiungimento di un servizio “tecnicamente più efficiente” ed “economicamente più sostenibile”, indicate durante la manifestazione come linee prospettiche di gestione stanno già lavorando in questa direzione. "Prova ne sono i 54.000.000,00 di euro di investimenti sul comparto idrico, energetico e ambientale - riferiscono i vertici del consorzio - che avranno effetto sui servizi erogabili nonché la realizzazione di 4 centrali idroelettriche e la creazione di un soggetto pubblico privato nel campo del trattamento dei rifiuti liquidi (la Centro Depurazione Srl). Tale ultimo investimento ha creato i presupposti per generare, in prospettiva, i profitti necessari alla riduzione sostanziale dei tributi ai consorziati".

Poi l'invito a non dimenticare, però, "che un tributo procapite più basso passa anche attraverso una ripartizione della spesa tra tutti e, sotto questo aspetto, gli inviti e gli esempi offerti dai rappresentanti del comitato bonifica sostenibile a non pagare  (qualcuno anche a seguito di sentenze di condanna da parte della corte di giustizia tributaria) purtroppo non giovano. Anzi - sottolineano dal Consorzio di bonifica - nel solo anno 2023 hanno generato notevoli danni al patrimonio pubblico (patrimonio di tutti quindi anche di quelli che non pagano) in termini di interessi che l’ente è stato costretto a pagare per avere fatto ricorso alla anticipazione di tesoreria. Pertanto, al fine di evitare che per i morosi sia a rischio la tenuta economica di un servizio pubblico ed essenziale di tutti come quello di bonifica, si invitano i consorziati a sanare le proprie posizioni debitorie così come previsto dalla legge in materia e a creare, attraverso un confronto costruttivo e non di mera critica, i presupposti per trovare soluzioni migliorative anche a favore della nuova amministrazione eletta che a brevissimo si insedierà e che, subito, dovrà fare i conti con una gravissima condizione di insolvenza in cui versano anche imprenditori importanti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo la protesta degli agricoltori arriva la replica del Consorzio di bonifica: "Mai negata disponibilità a un incontro"

ChietiToday è in caricamento