Attualità

"Carenze strutturali e igienico sanitarie nella sede del 118 a Francavilla": la denuncia di Cisal Fpc Sanità

Il sindacato chiede alla Asl di risolvere al più presto una situazione messa in luce anche dagli accertamenti dei carabinieri del Nas

Immagine di repertorio

Difficoltà quotidiane per gli operatori del 118 di Francavilla al Mare. La denuncia arriva dalla Cisal Fpc Sanità, dopo gli accertamenti dei carabinieri del Nas, che risalgono a un anno fa. In quell'occasione, i militari comunicarono alla Asl la necessità di trovare una soluzione.

Spiega il coordinatore provinciale del sindacato, Vincenzo Mancinelli: "Sono state evidenziate gravi carenze strutturali, igienico sanitarie e di sicurezza degli ambienti e luoghi di lavoro, ma di adeguamenti gli operatori non hanno ancora visto nulla”.

“Ci risulta - aggiunge - che sia stata anche inaugurata una sede, con tanto di taglio del nastro, poco dopo i controlli dei Nas, ma, ad oggi, gli operatori del 118 continuano a utilizzare la postazione di sempre con le stesse carenze".

Disagi peggiorati dal periodo di particolare emergenza sanitaria che stiamo vivendo, con gli operatori in forte stress ormai da mesi, senza locali idonei e igienicamente adeguati in cui stare tra un intervento di soccorso e l'altro.

Per questo, la Cisal Fpc Sanità chiede alla Asl di sanare una situazione che si trascina da sette anni e due governatori di Regione, in modo da far funzionare al meglio e in sicurezza il servizio 118.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Carenze strutturali e igienico sanitarie nella sede del 118 a Francavilla": la denuncia di Cisal Fpc Sanità

ChietiToday è in caricamento