Un premio per medici e infermieri in prima linea contro il Coronavirus

La Regione ha stanziato un fondo di incentivi da 17 milioni, da ripartire per gli operatori sanitari delle quattro Asl abruzzesi

Immagine di repertorio

Arrivano 17 milioni di euro di incentivi per il personale sanitario abruzzese impegnato in prima linea durante l'emergenza Covid. Il provvedimento è stato approvato nella seduta di ieri dalla giunta regionale dell'Abruzzo. Le risorse statali e regionali saranno ripartite tra le quattro aziende sanitarie.

Nel corso della seduta, la giunta ha preso atto della decadenza dalle funzioni dell'attuale direttore dell'Agenzia sanitaria regionale per  procedere ad una complessiva riorganizzazione.

Su proposta dell'assessore all'Agricoltura, è stato approvato lo schema dello statuto dei Consorzi di Bonifica Nord, Sud, Ovest, Interno e Centro predisposto dal dipartimento Agricoltura, in raccordo con l'Anbi regionale, che sarà trasmesso successivamente alla terza commissione consiliare per l'agricoltura, per il rilascio di un apposito parere.

Presa d'atto delle funzioni del referente dell'Autorità di Gestione del Po Feamp (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca) per l'Organismo Intermedio Regione Abruzzo, incardinato nel servizio Sviluppo locale ed Economia ittica del Dipartimento Agricoltura, quale Servizio competente per la gestione delle Misure e risorse del Programma Operativo.

Su proposta dell'assessore allo Sport, sono state ripartite le economie realizzate in base alla legge regionale in materia di sport ed impiantistica sportiva che prevedono un aumento di fondi disponibili pari a 250mila euro.

Su proposta degli assessori alla Sanità e all'Urbanistica e territorio, approvate le linee Guida per i regolamenti edilizi in chiave eco-compatibile, ecosostenibi... e orientati al contenimento del rischio Radon. Sono predisposte dal gruppo di coordinamento regionale con il supporto tecnico dell'università d'Annunzio, dipartimento di Ingegneria e Geologia. Definiscono le regole tecniche e i criteri di realizzazione di misure per prevenire l'ingresso del radon negli edifici, anche di nuova costruzione, secondo quanto previsto nella direttiva 2013/59/Euratom. Si tratta di uno strumento operativo per i Comuni, per i progettisti e per i costruttori.

Su proposta dell'assessore al lavoro, individuati i criteri e le modalità per la concessione di contributi alle Unioni di comuni per progetti di attivazione della modalità di lavoro agile (smart working), per consentire la gestione associata di funzioni e servizi per una maggiore efficienza ed economicità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

Torna su
ChietiToday è in caricamento