Domenica, 24 Ottobre 2021
Attualità Torrevecchia Teatina

Premiazioni al Festival della Lettera d’amore, al museo di Torrevecchia la prima lettera d’amore scritta nel Medioevo

Verrà esposta al museo della Lettera d'amore. Sabato sera la cerimonia di premiazione di alcune delle più notevoli personalità del mondo della cultura, dell’impresa e dello sport

Una serata indimenticabile, all’insegna dell’amore e delle idee quella svoltasi ieri a Torrevecchia Teatina per la XXI edizione del Festival della Lettera d’Amore. Centinaia di persone hanno assistito alla cerimonia di premiazione di alcune delle più notevoli personalità del mondo della cultura, dell’impresa e dello sport a livello nazionale e internazionale. 

La serata si aperta con la presentazione del libro “Il recupero del Rinascimento” di Paolo Coen (Silvana Editoriale), uno dei museologi più importanti a livello europeo  e la relazione avvocato Federico Gentilini. In collegamento sono intervenuti la professoressa Elisabetta Bartoli dell’univerità di Siena la quale ha annunciato che al museo della Lettera d’Amore verrà esposta la prima lettera d’amore scritta nel Medioevo e Alberto Riva, scrittore e musicologo milanese, a cui è stato assegnato il premio per il miglior romanzo d’amore del 2021, “Il maestro e l’infanta”(Neri Pozza).

Pubblico in piedi per omaggiare Lisa Billig, viennese, giornalista di quotidiani americani e del Congresso Mondiale Ebraico, vaticanista e scrittrice che promuove il dialogo interreligioso nel mondo, attraverso la propria azione, per oltre 25 anni, quale presidente della Sezione Europea di Religions for Peace di cui è attuale presidente onorario nella Sezione Italiana. Da decenni è rappresentante in Italia dell'AJC - American JewishCommittee e di collegamento con la Santa Sede.

Gli altri riconoscimenti sono andati a Giovanbattista Benedicenti per la storia dell’arte, Antonello Colimberti per la ricerca antropologica del gesto e del suono, Generoso D’Agnese per il giornalismo, Rolando D’Alonzo per il miglior romanzo d’amore del 2020, “La misura del cielo”, Paolo Esposito per l’imprenditoria, Enrico Faricelli per l’editoria, Maurizio Formichetti per l’organizzazione sportiva, Pierluigi Ledda per la conservazione e la promozione dei beni culturali, Ada Mammarella per la sanità pubblica. 

A premiare queste personalità che con i loro interventi hanno pronunciato pensieri memorabili il vicesindaco di Torrevecchia Teatina Fabio Pizzica, la professoressa Marcella Lacanale dell’università d’Annunzio, gli assessori Valeria Sbaraglia e Pino Lamonaca. Per il decennale della sua fondazione è stata inaugurata, con la benedizione di don Nico, una nuova sala espositiva del museo della Lettera d’amore, la cui scenografia è stata curata dal regista Sabatino Ciocca. Ha partecipato il presidente nazionale dei Papaboys Daniele Venturi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premiazioni al Festival della Lettera d’amore, al museo di Torrevecchia la prima lettera d’amore scritta nel Medioevo

ChietiToday è in caricamento