Tamponi "drive in" tutti negativi, ma la postazione raddoppia e resta altre due settimane

Sono 340 i test effettuati fino alla tarda mattinata di oggi, tutti negativi. I due casi di Coronavirus registrati oggi in provincia sono contagi di rientro

Sono 340 i tamponi “drive-in” eseguiti fino alle ore 11 di questa mattina nella postazione mobile del 118 allestita all'esterno dell'ospedale di Ortona. L’adesione alta conferma il senso di responsabilità delle persone residenti e domiciliate in provincia di Chieti, che durante le vacanze hanno messo in atto le precauzioni raccomandate per evitare il contagio da Coronavirus e al rientro si sono sottoposti al test per mettere al sicuro loro stessi e le famiglie. 

Nessuno è stato trovato positivo e per l'azienda sanitaria di "un dato più che confortante, che lascia sperare in una diffusione contenuta del Coronavirus in questa nuova fase".

Per riuscire a  testare il maggior numero possibile di cittadini che rientrano in provincia di Chieti per lavoro o a fine vacanza, la direzione della Asl Lanciano Vasto Chieti ha deciso di prolungare l'attività dei tamponi “drive-in” a Ortona fino al prossimo 12 settembre, rispettando l’orario 9-18, dal lunedì al sabato.

Inoltre, una seconda postazione mobile sarà attivata all'ingresso dell'ospedale di Atessa a partire da lunedì 31 agosto e sarà a disposizione dei cittadini residenti nei Comuni delle aree interne dalle ore 9 alle 14, sempre dal lunedì al sabato. 

I due nuovi casi positivi registrati nella giornata di oggi in provincia di Chieti non sono passati per il “drive-in”, ma si riferiscono comunque a persone di rientro in Abruzzo, una proveniente dalla Sardegna e l’altra dall’Albania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo dunque un’ulteriore conferma della necessità di testare ad ampio raggio i cittadini di ritorno dall'estero e dalla regioni nelle quali la diffusione del virus è più alta - sottolinea il direttore generale Asl, Thomas Schael - Registriamo con sollievo il senso civico e l'attenzione alla salute collettiva dimostrati dai vacanzieri del nostro territorio che si sono presentati così numerosi a Ortona, permettendoci di realizzare un'azione di prevenzione importante. Ci auguriamo di avere un'adesione ugualmente significativa anche con la postazione di Atessa, attivata con la finalità di incentivare la partecipazione al test anche dei cittadini dell'entroterra e dei comuni della parte Sud dell’Abruzzo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Coronavirus: altri 37 nuovi positivi, 11 nel Chietino

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento