rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Attualità

Performance climatiche regionali: l’Abruzzo è tra le migliori in Italia

Il nuovo database Ciro ha il compito di supportare le amministrazioni locali nel processo di decarbonizzazione dei propri territori e nel raggiungimento degli obiettivi climatici

Le performance climatiche regionali sono state analizzate dalla nuova piattaforma Ciro, realizzata da Italy for Climate in collaborazione con Ispra, che utilizza 26 indicatori articolati in 8 aree tematiche (emissioni, energia, rinnovabili, edifici, industria, trasporti, agricoltura e vulnerabilità). Dall’analisi si evince che l’Abruzzo è tra le migliori regioni in Italia in termini di prestazioni sul fronte della sostenibilità ambientale.

Il nuovo database Ciro ha il compito di supportare le amministrazioni locali nel processo di decarbonizzazione dei propri territori e nel raggiungimento degli obiettivi climatici.

L’Abruzzo vanta una quota di assorbimenti naturali di emissioni di CO2 in rapporto alla superficie tra le più alte d’Italia, che contribuisce a ridurre l’impronta di carbonio della regione. Inoltre conta una performance positiva del settore agricolo, la cui quota di emissioni pro-capite, l’utilizzo di fertilizzanti e il numero di bovini allevati in rapporto alla popolazione è ben inferiore alla media nazionale. Un mix energetico caratterizzato da buone prestazioni delle fonti rinnovabili, soprattutto in termini di quota sui consumi (pari al 26%, contro una media nazionale pari al 18%).  

Questi sono solo alcuni degli elementi che qualificano la performance climatica dell’Abruzzo.

Andrea Barbabella, coordinatore di Italy for Climate: «Per guidare con successo un territorio verso la transizione energetica è essenziale avere una visione completa dell’andamento dei principali indicatori climatici della regione, per identificare quali sono le aree che richiedono lo sviluppo di strategie mirate ed efficaci per mitigare e affrontare la crisi climatica. Con quest’obiettivo, insieme a Ispra, abbiamo voluto sviluppare una piattaforma di condivisione di dati e buone pratiche, selezionando 26 indicatori chiave, molti dei quali frutto di specifiche elaborazioni originali, per una lettura intuitiva e comprensibile dei principali indicatori in gioco». 

 Le 8 aree tematiche di Ciro che individuano le migliori performance dell’Abruzzo in dettaglio:

1.      Emissioni: l’Abruzzo registra una buona performance rispetto alle emissioni pro-capite ed è fra le regioni con il più alto numero di assorbimenti naturali in rapporto alla superficie.

2.      Energia: Nel suo complesso, il mix energetico della regione è in linea con la media nazionale, con consumi di energia finale pro-capite leggermente superiori.

3.      Rinnovabili: l’Abruzzo registra buone prestazioni per quanto riguarda le rinnovabili, soprattutto in termini di quota sui consumi (pari al 26%, contro una media nazionale pari al 18%) ed è in linea con la media nazionale per quanto riguarda i kW installati. Per quanto riguarda le Comunità energetiche rinnovabili, nel corso del 2022 ne è stata attivata solo una.  

4.      Trasporti: la quota di elettrico sulle nuove immatricolazioni (3,69%) e le emissioni pro-capite dei trasporti sono in linea con la media nazionale. Meno positivi i dati sulla media di passeggeri trasportati dal TPL e il numero di automobili, poco più alto della media nazionale.  

5.      Edifici: la performance è positiva in termini di efficienza dei consumi (199 kWh/mq rispetto ad una media nazionale di 227) ed è in linea con la media nazionale per emissioni pro-capite del settore e quota di edifici in classe A, mentre la quota di consumi elettrici è ancora piuttosto bassa (motivato anche da un utilizzo elevato di sistemi di riscaldamento nei mesi invernali).

6.      Industria: la performance dell’Abruzzo è generalmente allineata alla media nazionale, sia in rapporto al valore aggiunto per emissioni e consumi di energia, sia per la quota di consumi elettrici.

7.      Agricoltura: la performance è piuttosto positiva, grazie a emissioni pro-capite del settore, uso di fertilizzanti (solo 62 kg/ha utilizzati, contro una media nazionale di 130) e numero di bovini allevati in rapporto alla popolazione ben inferiori alla media nazionale. La quota di agricoltura biologica invece è allineata alla media nazionale.

8.      Vulnerabilità: l’Abruzzo non è una Regione criticamente esposta agli impatti dei cambiamenti climatici e presenta un basso numero di eventi estremi e una quota di popolazione esposta alle alluvioni inferiore alla media nazionale. Questo anche perché il consumo di suolo è piuttosto basso (pari al 5% della superficie della Regione. Le perdite della rete idrica sono, invece, tra le peggiori del Paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Performance climatiche regionali: l’Abruzzo è tra le migliori in Italia

ChietiToday è in caricamento