Luigi torna in ospedale dopo le dimissioni per donare due televisori

Il bel gesto di un paziente di Gissi dopo il ricovero alla Casa sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo

Un dono sincero, che esprime gratitudine e attenzione, quello di Luigi alla Casa sollievo della sofferenza.

Il paziente di Gissi, pochi giorni dopo le dimissioni, è tornato nell'ospedale di San Giovanni Rotondo per donare alla struttura poco distante dal santuario di Padre Pio due bei televisori lcd da 32 pollici. Uno di questi è stato già installato nella stessa stanza del suo ricovero, che ne era sprovvista.

"Grazie Luigi. Gesti come il tuo, sinceri e genuini, significano molto per noi" il messaggio del personale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella foto Luigi con i medici internisti Vito D’Alessandro e Massimo Grilli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo si accascia nei pressi di Ikea: vigilante gli salva la vita dopo il massaggio cardiaco

  • Lanciano in lutto per Mirella: domani l'ultimo saluto alla 41enne morta nell'incidente a Pescara

  • Tragico schianto in galleria durante le vacanze: morto un ragazzo di Tollo

  • Beve una bibita e inizia a vomitare sangue: 15enne soccorso elicottero sul monte Amaro

  • Incidente al Foro a Francavilla: tre vetture coinvolte, due feriti

  • Tragico schianto fra due auto sulla Statale 16: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento