menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il carcere di Lanciano, dove ci sono stati diversi contagi tra detenuti e operatori

Il carcere di Lanciano, dove ci sono stati diversi contagi tra detenuti e operatori

Una trentina di detenuti positivi al Covid nelle carceri abruzzesi e molisane, parte il piano vaccini

Una decisione, quella del ministero, accolta con soddisfazione dalla Fp Cgil, che aveva a lungo richiesto di poter intervenire dopo l'alto numero di contagi

È partito il piano di vaccinazioni anti Covid nelle carceri. Una decisione, quella del ministero, accolta con soddisfazione dalla Fp Cgil, che aveva a lungo richiesto di poter intervenire dopo l'alto numero di contagi in diverse carceri del territorio abruzzese e della provincia di Chieti. 

Commenta Giuseppe Merola, coordinatore regionale del comparto sicurezza per la Fp Cgil Abruzzo Molise: "Arriva finalmente una risposta concreta per gli istituti penitenziari, apprezzando l'impegno del ministro della Salute Speranza che, nel corso della riunione con le Regioni, ha assicurato l'immediato il piano vaccini per forze dell'ordine e detenuti, partendo già fra qualche giorno".

Merola sottolinea le varie richieste dei sindacati, sia nazionali che regionali, mettendo in evidenza le numerose positività accertate negli istituti penitenziari abruzzesi e molisani, pur tenendo conto delle sensibilità istituzionali e dalle varie discussioni della Fp Cgil, a partire dalle richieste dei tamponi molecolari per la polizia penitenziaria e per il personale delle funzioni centrali.

"Le carceri, purtroppo, sono ambienti inevitabilmente vulnerabili e con ataviche precarietà e pertanto meritano la giusta e scrupolosa attenzione - continua Merola - specie per in materia di prevenzione a salvaguardia della salubrità collettiva".

"Allo stato attuale - conclude il sindacalista - registriamo 28 detenuti e 16 poliziotti penitenziari ancora positivi al Covid in alcuni istituti dell'Abruzzo e del Molise, e pertanto auspichiamo quanto prima, con l'avvento del vaccino, di poter assicurare una giusta tregua al 'mondo carcere', dopo mesi di preoccupazioni, affanni e serie criticità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento