Attualità

Ospedale di Chieti, Stella (M5s): "Cessato servizio Radioterapia oncologica è inaccettabile"

La consigliera regionale pentastellata riferisce che "dal 14 dicembre sono state bloccate le attività di preparazione dei nuovi pazienti oncologici"

"La cessazione del servizio nel reparto di Radioterapia all'ospedale di Chieti è inaccettabile". A dirlo è la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, Barbara Stella riferendosi alle attività del nosocomio teatino. 

"Da segnalazioni che ho ricevuto - dice Stella - sembra che dal 14 dicembre 2020, nella Uoc di Radioterapia oncologica di Chieti, siano state bloccate le attività di preparazione dei nuovi pazienti oncologici a causa di un parco macchine obsoleto già da diversi anni, e che oggi non permette più la prosecuzione delle terapie radioterapiche con un'inevitabile ripercussione sulla liste di attesa e sulla mobilità passiva. I pazienti oncologici dovranno essere dirottati verso altre strutture; pare che già alcuni siano stati costretti addirittura a rivolgersi a centri fuori regione vicino Campobasso".

La consigliera aggiunge che "il sistema dei centratori laser per il corretto posizionamento dei pazienti sia fuori uso clinico e che l’attività di preparazione, propedeutica all’inizio del ciclo di cure per i pazienti non possa essere eseguita correttamente e in sicurezza da parte degli operatori".

La Radioterapia oncologica di Chieti è un Centro ai massimi livelli di innovazione e ricerca scientifica, riconosciuto anche al livello nazionale e internazionale e non è accettabile che il territorio rischi di essere privato di una eccellenza del sistema sanitario regionale. Per questo presenterò un’interpellanza in merito per conoscere quali siano le azioni che l’assessore alla Sanità abruzzese metterà in campo per risolvere, nel più breve tempo possibile, questa grave situazione che pesa principalmente sui cittadini abruzzesi ma anche sul personale medico e sanitario, già messo a dura prova dall’emergenza pandemica.

Una situazione che la pentastellata sottopone alla giunta regionale. "È gravissimo quanto sta accadendo, eppure la giunta Marsilio era ben consapevole dei problemi presenti all'interno del reparto stesso, con un parco macchine obsoleto già da diversi anni; per questo mi chiedo come sia stato possibile arrivare fino al punto di dovere sospendere delle terapie fondamentali per i pazienti. Il centro destra, tanto impegnato anche in questi giorni in una campagna antigovernativa e strumentale contro un possibile mini-lockdown natalizio, avrebbe dovuto piuttosto concentrare le proprie energie sugli evidenti problemi della sanità regionale, investendo per il bene dei cittadini abruzzesi, soprattutto per coloro maggiormente deboli come i malati oncologici e non regalandogli, proprio sotto il periodo natalizio, l'ennesimo disservizio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Chieti, Stella (M5s): "Cessato servizio Radioterapia oncologica è inaccettabile"

ChietiToday è in caricamento