menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Venerdì Santo a Ortona nel 2019 (foto Pasquale Tortella)

Il Venerdì Santo a Ortona nel 2019 (foto Pasquale Tortella)

A Ortona si preparano i riti della Settimana Santa in sicurezza: l'impegno dell'associazione Passio Christi

Si sta preparando un calendario speciale di eventi che consentirà il pieno rispetto di tutte le prescrizioni necessarie mirate a impedire la diffusione del virus, ma di poter vivere tutti i riti che portano alla Pasqua

Ortona vivrà i riti della Settimana Santa e la Pasqua in sicurezza, nonostante la situazione emergenziale. L'associazione Passio Christi, che da anni organizza i riti che portano alla Pasqua, è già al lavoro per organizzare i riti della settimana santa in sicurezza.

Si sta preparando un calendario speciale di eventi che consentirà il pieno rispetto di tutte le prescrizioni necessarie mirate a impedire la diffusione del virus. A causa della pandemia di Covid-19, lo scorso anno sono stati annullati tutti riti della Settimana Santa, lasciando gli ortonesi di una delle più belle e importanti manifestazioni religiose quali sono i riti del Giovedì e del Venerdì Santo, con la partecipazione alla processione del Cristo Morto e della Vergine Addolorata. 

Solo attraverso lo streaming e l’utilizzo dei social, nel 2020, l’associazione ha potuto perpetrare alcune semplici cerimonie.

Purtroppo anche quest’anno l’emergenza sanitaria costringe ad altre rinunce. Sarà difficile poter tornare a partecipare alle pie pratiche come si era abituati a fare negli anni scorsi, ma l’associazione s’impegna a non lasciare la città senza poter ascoltare il Miserere del maestro Masciangelo, facendo in modo di vivere, nel miglior modo possibile, e in tutta sicurezza, ogni momento della Settimana Santa 2021. 

La quaresima ha preso avvio con il Mercoledì delle Ceneri, celebrato il 17 febbraio, che ha dato il via alle iniziative organizzate da Passio Christi. Mercoledì scorso, infatti, dopo la messa vespertina, sono state fatte le meditazioni sulla “Via della Passione” ed è stato esposto il primo dei sette talami, il Gallo, che sono soliti essere portati in processione il Venerdì Santo con una riflessione sul significato dello stesso.

"Ogni domenica di Quaresima, al termine della messa vespertina, verrà esposto un altro talamo fino ad arrivare alla domenica delle Palme e verra fatta una riflessione - dicono gli organizzatori - Terremo aggiornati sulle prossime iniziative che vorremmo concretizzare, ma dobbiamo necessariamente attendere le nuove direttive del governo per capire quali siano possibile realizzare. In un momento così difficile, cerchiamo di restare uniti e confidiamo che tutto possa volgere al meglio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento